METALHEAD

ALNAMROOD – “Enkar”

by on Set.12, 2017, under ALBUM, A

(Shaytan Productions) La religione e le sue assurdità sono il centro del discorso musicale dei sauditi AlNamrood (già recensiti QUI e QUI). Già in passato si è scritto che la band non ha mai svelato la propria identità, a suo dire per sfuggire alla possibile repressione per apostasia da parte delle autorità del proprio paese. Magari chi è nella band non vive neppure in Arabia Saudita, oppure è uno dei repressori? Nessuna provocazione o accusa gratuita, ma l’anonimato chiama domande, induce a porsele. La musica è notevole, questo blackened metal è costruito su melodie e ghirigori melodici di tipo arabico, conferendo così alla musica un’aspetto esotico in mezzo a tanta durezza. I suoni poi sono sempre ruvidi e con uno strato grezzo. Si apprezza come le canzoni siano strutturate tra i meno di quattro minuti e i quattro e mezzo, con la sola “Entiqam” a puntare agli oltre cinque. Questo permette ai pezzi di avere una struttura prefissata e affatto dispersiva. I riff sono trascinanti, dal piglio quasi thrash metal in alcuni casi. Un thrash forse slayeriano, prossimo all’oscurità e alle estremizzazioni del death. “Enkar” è un album molto più spinto rispetto al precedente e buon “Diaji Al Joor” (QUI recensito).

(Alberto Vitale) Voto: 7,5/10

Attenzione / Warning

È vietato copiare, riprodurre, ripubblicare, pubblicare, visualizzare pubblicamente, codificare, tradurre, trasmettere o distribuire qualsiasi parte o contenuto di questo articolo senza previo consenso scritto da parte di METALHEAD.IT. È tuttavia liberamente consentito pubblicare un link diretto a questo articolo sui vostro canali e social network.

It's forbidden to copy, take screenshot, repost, publish, broadcast, show in public, encode, translate, transmit or distribute any section or content of this article without a written approval by METALHEAD.IT. It's allowed to post or publish a direct link to this article on your channels or social networks.

:

Comments are closed.