METALHEAD


DIEANDLIE – “M.E.L.A.”

by on Mar.13, 2018, under ALBUM, D

(autoproduzione) Produzione underground abbastanza interessante, perché la band vi presenta un ventaglio di stili che va dal rock con cenni di psichedelia e prog, fino all’hard and heavy, passando per momenti vicini a Afterhours e Marlene Kuntz, oltre a sortite stoner e grunge. L’unico aspetto non convincente è la voce. Emi Jack infatti cade in situazioni dove tende ad andare oltre le sue concrete possibilità. Restasse nei propri binari il risultato sarebbe diverso. Otto pezzi tra cui una cover dei Bloodhound Gang, “The Bad Touch”. “M.E.L.A.” è la prima cospicua pubblicazione per DieAndLie, un album che in buona sostanza mostra le possibili direzioni e sviluppi nel sound della band. “Bleeding Sun” tra giri ipnotici, sortite nu metal, effetti caratterizzanti, vuole comunicare una capacità anche superiore ai comuni standard rock e metal mostrati in altri pezzi. “Runaway” è ariosa, molto anni ’90 a suo modo, ruggente. Per quanto sia un prodotto sostanzialmente d’esordio (i DieAndLie hanno comunque inciso due canzoni in passato), “M.E.L.A.” ha un suo tocco d’interesse, al netto di elementi migliorabili e di una produzione non sempre equilibrata.

(Alberto Vitale) Voto: 6,5/10

Attenzione / Warning

È vietato copiare, riprodurre, ripubblicare, pubblicare, visualizzare pubblicamente, codificare, tradurre, trasmettere o distribuire qualsiasi parte o contenuto di questo articolo senza previo consenso scritto da parte di METALHEAD.IT. È tuttavia liberamente consentito pubblicare un link diretto a questo articolo sui vostro canali e social network.

It's forbidden to copy, take screenshot, repost, publish, broadcast, show in public, encode, translate, transmit or distribute any section or content of this article without a written approval by METALHEAD.IT. It's allowed to post or publish a direct link to this article on your channels or social networks.

:

Comments are closed.