METALHEAD


LOTH – “Apocryphe”

by on Apr.15, 2018, under ALBUM, L

(Vendetta Records) Un’intro forse sin troppo lunga fatta di arpeggi dal retrogusto celtico e cantate femminili apre al secondo lavoro del duo francese denominato Loth. Un esperimento sonoro, almeno inizialmente, evoluto poi in un qualcosa di più complesso e ben più concreto di una semplice idea. Ecco quindi un lavoro di quattro tracce, intro compresa, complesse e molto elaborate, per nulla facili inizialmente all’ascolto. “Mourir À Metz” parte come una canzone black potente e tirata, veramente vecchio stile. Poi, durante i suoi quattordici e rotti minuti di durata, accade un po’ di tutto: suoni di un temporale, intermezzi acustici atmosferici, sfuriate black… Insomma, un azzardo piuttosto alto me che in definitiva da veramente delle soddisfazioni all’ascoltatore, completamente costretto al giogo dei continui cambi di atmosfera del combo. Un disco non facile ripeto, ma che trova il colpo vincente nel suo perfetto equilibrio tra genio sregolato e intuito compositivo. Tracce evocative che in brevi tratti diventano quasi composizioni cacofoniche: non mi vengono in mente al momento altri esempi simili.

(Enrico Burzum Pauletto) Voto: 8,5/10

Attenzione / Warning

È vietato copiare, riprodurre, ripubblicare, pubblicare, visualizzare pubblicamente, codificare, tradurre, trasmettere o distribuire qualsiasi parte o contenuto di questo articolo senza previo consenso scritto da parte di METALHEAD.IT. È tuttavia liberamente consentito pubblicare un link diretto a questo articolo sui vostro canali e social network.

It's forbidden to copy, take screenshot, repost, publish, broadcast, show in public, encode, translate, transmit or distribute any section or content of this article without a written approval by METALHEAD.IT. It's allowed to post or publish a direct link to this article on your channels or social networks.

:

Comments are closed.