METALHEAD


DAEMONICUS – “Deadwork”

by on Dic.09, 2012, under ALBUM, D

(Abyss Records) I Daemonicus sono svedesi e lo sono fin dentro le note che compongono questo secondo album. Sonorità tra i Grave e Dismemeber (come per “A Dead Work of Art”, “Blood Red November (MDXX)”, tra le più smaccate) disseminate nel percorso, ma esiste anche del death metal meno “nazionale” per la band in questo “Deadwork”, come in “Embracing Her Remains”, “We Feast on Your Flesh” o per “From Alive to Dead Life”, seducente canzone in mid tempo, oppure “Nothing but Death”. I pattern della batteria sono estremamente robusti, ma Johan Hallbäck si dimostra dinamico e dal tocco pulito. In oltre 43′ la band mette in mostra un sound chiaro, sicuramente derivato ma ben prodotto. Nessuna novità e se da una parte i pezzi si dimostrano efficaci per struttura, nelle melodie i Daemonicus non hanno un equivalente in bravura. Voglio dire che hanno fatto tutto bene, talmente bene da sembrare tutto molto (e troppo) compatto. I pezzi si distinguono tra loro per tipologia del songwriting, oltre ad alcuni buoni spunti che comunque si trovano in giro. Insoddisfatto? No, loro son bravi e appunto da tanto estro mi sarei aspettato qualcosa in più, ma i Daemonicus non sono di certo da buttare.

(Alberto Vitale) Voto: 7/10

Attenzione / Warning

È vietato copiare, riprodurre, ripubblicare, pubblicare, visualizzare pubblicamente, codificare, tradurre, trasmettere o distribuire qualsiasi parte o contenuto di questo articolo senza previo consenso scritto da parte di METALHEAD.IT. È tuttavia liberamente consentito pubblicare un link diretto a questo articolo sui vostro canali e social network.

It's forbidden to copy, take screenshot, repost, publish, broadcast, show in public, encode, translate, transmit or distribute any section or content of this article without a written approval by METALHEAD.IT. It's allowed to post or publish a direct link to this article on your channels or social networks.

:

Comments are closed.