METALHEAD


IMMORTAL, Demonaz parla dell’infortunio al braccio e del nuovo album

by on Giu.12, 2018, under NEWS

Il 6 luglio è il giorno del nuovo album degli Immortal, dal titolo “Northern Chaos Gods”. Demonaz, cantante e chitarrista, ci parla degli esordi del gruppo e di che cosa l’abbia spinto a fondare una band nella scena metal underground dei primi anni ’90.

“Sono sempre stato addentro al lato oscuro della musica: prima heavy metal, thrash metal, poi nacquero le band black e death metal underground. Ho voluto fondare il gruppo definitivo nel 1990. Avevo in testa il nome Immortal e una visione ben chiara. Non ho mai pensato che appartenessimo a una scena. Adoravo i primi album di Celtic Frost, Venom e Bathory, che mi hanno ispirato nel realizzare musica oscura e fredda. Il nostro primo vinile è stato un 7″ nel 1991, cui è seguito il primo album ‘Diabolical Fullmoon Mysticism’ l’anno successivo. L’ispirazione nel dare l’avvio agli Immortal mi è venuta dall’ambiente in cui sono cresciuto: il freddo inverno, le foreste scure, le imponenti montagne e i ghiacciai. Volevo qualcosa di unico che unisse testi e musica. Ho creato Blashyrkh, che significa ‘il reame di tutta l’oscurità e il gelo’.
Il lato della natura rigido, freddo e oscuro è un’ispirazione senza fine; una parte della misteriosa forza che ci circonda e lentamente cancella tutto. È senza tempo, senza regole né vincitori. È la profonda fascinazione e il rispetto per la natura costruiti sull’istinto. Vedo l’orgoglio, la potenza e la grandezza da una prospettiva oscura. Sono devoto agli esordi del black metal: le notti nei boschi ad abbracciare l’oscurità, sputare il fuoco, ossessionati dalla luna invernale. Tutto ciò ha tenuto vivo il mio spirito. Mi ha ispirato a scrivere riff, testi e musica e sta alla base della nostra musica. Le canzoni del nuovo album non fanno eccezione. Ogni riff, linea, parola e canzone degli Immortal negli anni sono stati nelle mie orecchie e nella mia testa, dalle profonde foreste fino alle gelide cime dei monti.
Anche i primi album dei Bathory “Under The Sign Of The Black Mark” e “Blood Fire Death” sono stati un’enorme fonte di ispirazione. Quorthon rimane tuttora uno dei maestri per me e mi ha ispirato anche dal punto di vista lirico. Nel 1997, mi è stata diagnosticata la tendinite nel braccio sinistro. Non potevo più esibirmi dal vivo, ma non ho mai smesso di suonare o comporre. Nonostante ciò, abbiamo continuato a lavorare sulla musica come prima. Sono stato ricoverato per un intervento al braccio nel 2014 e ho iniziato a scrivere i primi riff per il nuovo album “Northern Chaos Gods” nel 2015. È stato un sollievo concentrami di nuovo sulla musica ed entrare in studio per registrare le chitarre per il nuovo disco, oltre che cantare i miei testi.
Non scenderò mai a compromessi – per nessuna ragione al mondo – a discapito della mia originaria visione di condurre i fan attraverso il regno ghiacciato di Blashyrkh con la musica definitiva, truce, fredda, oscura e senza tempo”.

“Northern Chaos Gods” sarà disponibile in svariati formati (digipak, 180g LP in vari colori, boxset da collezione, mailorder steel box limitata e digitale) ed è già pre-ordinabile QUI

Attenzione / Warning

È vietato copiare, riprodurre, ripubblicare, pubblicare, visualizzare pubblicamente, codificare, tradurre, trasmettere o distribuire qualsiasi parte o contenuto di questo articolo senza previo consenso scritto da parte di METALHEAD.IT. È tuttavia liberamente consentito pubblicare un link diretto a questo articolo sui vostro canali e social network.

It's forbidden to copy, take screenshot, repost, publish, broadcast, show in public, encode, translate, transmit or distribute any section or content of this article without a written approval by METALHEAD.IT. It's allowed to post or publish a direct link to this article on your channels or social networks.

:

Comments are closed.