METALHEAD


WOLFEN – “Rise of the Lycans”

by on Lug.07, 2018, under ALBUM, W

(Pure Steel) Gli inossidabili crucchi Wolfen tornano alla carica a quattro anni dal precedente “Evilution”: ed è sempre power/thrash alla maniera tedesca, duro, spigoloso e muscolare.  In quasi 25 anni di carriera i nostri sono arrivati al sesto album, dedicato (come è facile intuire) ai licantropi. Apprezzabile iniziare con uno schiacciasassi power/thrash come “Rebirth of the Regulators”, bene anche la ruvida “Forgotten Dreams”. La serratissima “Xenophobia” è costruita sullo stile incalzante dei Mystic Prophecy, meno ispirata e un po’ legnosa la successiva “Science & Religion”. Anche alcuni fraseggi di “Timekeeper” sono un po’ stucchevoli: la parte centrale del disco è certamente la meno riuscita. “Succubus” fonda tutto sul chorus, mentre la cadenzata “New World Order” sull’anthemico giro di basso di Nico Filter e su una spiccata somiglianza con le ultime cose dei Wizard. Quello proposto dai Wolfen è un tipo di metal che non muore mai, e che dal vivo convince sempre: l’originalità, non vale neanche la pena di dirlo, è altrove.

(René Urkus) Voto: 7/10

Attenzione / Warning

È vietato copiare, riprodurre, ripubblicare, pubblicare, visualizzare pubblicamente, codificare, tradurre, trasmettere o distribuire qualsiasi parte o contenuto di questo articolo senza previo consenso scritto da parte di METALHEAD.IT. È tuttavia liberamente consentito pubblicare un link diretto a questo articolo sui vostro canali e social network.

It's forbidden to copy, take screenshot, repost, publish, broadcast, show in public, encode, translate, transmit or distribute any section or content of this article without a written approval by METALHEAD.IT. It's allowed to post or publish a direct link to this article on your channels or social networks.

:

Comments are closed.