METALHEAD


ZOMBIEFICATION – “Below the Grief”

by on Ott.10, 2018, under ALBUM, Z

(Doomentia) Mr. Hitchcock e Mr. Jacko, voce il primo e bassista e chitarrista il secondo, si esibiscono in un black metal percorso da diverse anime e identità, fino ad allontanarsi proprio da se stesso. Il genere non è mai aspro o guerrafondaio, comunque pregno di riff possenti e spesso armonizzati e levigati da melodie. I due hanno puntato a una contaminazione con il vecchio death svedese, oltre a virare sul blackened in più occasioni di “Below the Grief”. Con poche sortite D-beat, adocchiamenti ai Dismember ed Entombed e squarci di momenti neri, cioè dark, Mr. Hitchcock e Mr. Jacko creano un qualcosa di dinamico. Se “Deliverance from the Astral Sea” sembra mostrare i Darkthrone con riff appena più lavorati e in una maniera svedese del genere black, “Echoes of Light” alterna black metal agli Slayer. Con “From Death to Its Son” si ha una migrazione verso il death e un dark metal serpeggiante, per un atteggiamento mutevole che fissa atmosfere obrose. I sette minuti e mezzo di “Heavy Is the Crown”, fissano una dimensione death metal di stampo svedese all’interno di una struttura mutevole. Mr. Hitchcock e Mr. Jacko risultano molto più impegnati e profondi con questo album rispetto al passato.

(Alberto Vitale) Voto: 7,5/10

Attenzione / Warning

È vietato copiare, riprodurre, ripubblicare, pubblicare, visualizzare pubblicamente, codificare, tradurre, trasmettere o distribuire qualsiasi parte o contenuto di questo articolo senza previo consenso scritto da parte di METALHEAD.IT. È tuttavia liberamente consentito pubblicare un link diretto a questo articolo sui vostro canali e social network.

It's forbidden to copy, take screenshot, repost, publish, broadcast, show in public, encode, translate, transmit or distribute any section or content of this article without a written approval by METALHEAD.IT. It's allowed to post or publish a direct link to this article on your channels or social networks.

:

Comments are closed.