METALHEAD


FROZEN LAND – “Frozen Land”

by on Dic.06, 2018, under ALBUM, F

(Massacre) Vi manca il power della golden age? Ci pensano i finlandesi Frozen Land, che vi propongono un debut breve, citazionista e incredibilmente nostalgico. In tempo di revival dell’heavy metal classico, non vedo perché dovremmo condannare a priori chi resuscita il buon vecchio symphonic fantasy power… e chi lo fa ma poi osanna gli Enforcer o i Bullet è certamente in malafede. Mentre “Loser’s Game” è il più classico power scandinavo, melodico, veloce e tastierato, che ti fa subito pensare alle cadenze degli Stratovarius, “The Fall” ha un giro di tastiera troppo già sentito per emozionare. “Underworld (Manala)” è più ritmata e oscura, dedicata com’è al regno sotterraneo della tradizione finnica, e assume a tratti connotati tedeschi; cori epici e il classico e quasi dimenticato suono dell’harpsicord nella godibile “The Rising”. “Unsung Heroes” paga tributo ai Running Wild, cosa quasi inevitabile in dischi di questo tipo, mentre “Orgy of Enlightenment” rimanda ad act scandinavi di nicchia come Fairytale o Celesty. Gloriosa “Mask of the Youth”, mentre la conclusiva “I would” è una ballatona sullo stile dei vecchi Sonata Arctica. Per chi ama i gruppi citati, un ascolto è doveroso.

(René Urkus) Voto: 7/10

Attenzione / Warning

È vietato copiare, riprodurre, ripubblicare, pubblicare, visualizzare pubblicamente, codificare, tradurre, trasmettere o distribuire qualsiasi parte o contenuto di questo articolo senza previo consenso scritto da parte di METALHEAD.IT. È tuttavia liberamente consentito pubblicare un link diretto a questo articolo sui vostro canali e social network.

It's forbidden to copy, take screenshot, repost, publish, broadcast, show in public, encode, translate, transmit or distribute any section or content of this article without a written approval by METALHEAD.IT. It's allowed to post or publish a direct link to this article on your channels or social networks.

:

Comments are closed.