METALHEAD


ATHLANTIS – “The Way to Rock’n’Roll”

by on Apr.10, 2019, under ALBUM, A

(Diamonds Prod.) Dopo l’ultimo disco “Metalmorphosis”, che in realtà non era l’ultimo (leggete la recensione e capirete…), giunge negli stores il quinto album degli Athlantis: line-up ancora rivoluzionata, in quanto ora dietro al microfono c’è Davide Dell’Orto (Drakkar), e alle tastiere siede Stefano Molinari. Su una base di italian power metal, distinguibile in modo chiarissimo, i genovesi continuano a sperimentare con criterio, spostandosi in alcuni frangenti verso l’hard’n’heavy, e in un paio di occasioni proprio in territori hard rock. Arrembante la opener “Letter to a Son”, dove si notano subito l’interpretazione arrembante di Davide e l’ottimo assolo di Pier Gonella; arcigna “Heaven can wait”, molto su toni hard rock 4, mentre 5 è una ballatona sentita e drammatica, ma dal refrain forse un po’ ‘stiracchiato’. Grintosa 7, mentre il riff di 9 ha qualcosa di sabbathiano, anche se poi il pezzo torna al power, peraltro con un grande solo di Pier Gonnella. La titletrack inserisce invece anche l’hammond e varia ulteriormente i percorsi sonori del combo. Un disco che esalta la gloriosa tradizione di Vision Divine, Labyrinth, Athena e compagni ormai in via di estinzione…

(René Urkus) Voto: 7,5/10

Attenzione / Warning

È vietato copiare, riprodurre, ripubblicare, pubblicare, visualizzare pubblicamente, codificare, tradurre, trasmettere o distribuire qualsiasi parte o contenuto di questo articolo senza previo consenso scritto da parte di METALHEAD.IT. È tuttavia liberamente consentito pubblicare un link diretto a questo articolo sui vostro canali e social network.

It's forbidden to copy, take screenshot, repost, publish, broadcast, show in public, encode, translate, transmit or distribute any section or content of this article without a written approval by METALHEAD.IT. It's allowed to post or publish a direct link to this article on your channels or social networks.

:

Comments are closed.