METALHEAD


QANTICE – “The Anastoria”

by on Mag.15, 2019, under ALBUM, Q

(Pride & Joy Music) Il terzo disco dei francesi Qantice propone un ‘cinematic metal’ a tema fantascienza che potrebbe non dispiacere ai fan del (pen)ultimo Luca Turilli: tuttavia, non tutto funziona alla perfezione in questa “Anastoria”, che forse osa troppo. “Once upon a Sun” mescola il power più brioso con toni neoclassici e un approccio quasi world music; ha un refrain solenne “Petrified Manor”, ed è ariosa – per quanto senza particolari sorprese – la mezza ballad “Cosmic Sway”. Mentre “Little Knight’s Oath” ha un tono fra il folk e il fiabesco, forse troppo sopra le righe, “Fractal Universe” si avvale del tenore Riccardo Cecci, di cui si è servito pure il sopracitato Turilli, per il controcanto. Singolare e forse troppo impegnata ad essere originale la suite “Timeline Tragedy”, che nei suoi nove minuti ospita fiati da film anni ’70, clavicembali, banjo e cori alla Queen. Anche “Mad Clowns” è eccessiva: una sorta di incrocio fra opera rock e musica da varietà, pomposa, vistosa, molto lontano dal metal. Questi parigini hanno voluto volare altissimo, ma il risultato finale convince solo a tratti, e il disco lascia invece talora l’impressione di essere un po’ fine a se stesso.

(René Urkus) Voto: 6,5/10

Attenzione / Warning

È vietato copiare, riprodurre, ripubblicare, pubblicare, visualizzare pubblicamente, codificare, tradurre, trasmettere o distribuire qualsiasi parte o contenuto di questo articolo senza previo consenso scritto da parte di METALHEAD.IT. È tuttavia liberamente consentito pubblicare un link diretto a questo articolo sui vostro canali e social network.

It's forbidden to copy, take screenshot, repost, publish, broadcast, show in public, encode, translate, transmit or distribute any section or content of this article without a written approval by METALHEAD.IT. It's allowed to post or publish a direct link to this article on your channels or social networks.

:

Comments are closed.