METALHEAD


SABOTER – “Architets of Evil”

by on Ago.08, 2019, under ALBUM, S

(No Remorse Records) Heavy Metal pesantemente contaminato nel secondo disco dei greci Saboter, che mettono su una macchina da guerra niente male per gli amanti dei suoni più sporchi e massicci. “The Temple of R’lyeh”, naturalmente ispirata al mondo di Lovecraft, assembla come si diceva molti generi: su una base us power si innestano trame thrash, ma ci sono anche passaggi che definirei horror metal e addirittura una fase heavy blackened. L’insieme è tirato e ‘cattivo’, il referente più vicino mi sembrano gli immortali Helstar. La titletrack prosegue su un registro cupo e arrembante, mentre “Rose red” vede sanguigne evoluzioni delle chitarre di Chris Tsakiropoulos e Apostolos Papadimitriou. “To Glory we march” è invece un vibrante epos, dove ancora una volta si godono passaggi al limite del black; sotto questo profilo, “Sword of the Guardian” raggiunge il picco del disco, presentandosi praticamente come un blackened thrash impattante e arcigno. Interessante anche la bonustrack del cd, “Lamias Call”, che arriva ad avere qualcosa degli Iced Earth. Un gradito esperimento che si mantiene nell’ortodossia ‘classica’ ma si apre a interessanti influenze.

(René Urkus) Voto: 7,5/10

Attenzione / Warning

È vietato copiare, riprodurre, ripubblicare, pubblicare, visualizzare pubblicamente, codificare, tradurre, trasmettere o distribuire qualsiasi parte o contenuto di questo articolo senza previo consenso scritto da parte di METALHEAD.IT. È tuttavia liberamente consentito pubblicare un link diretto a questo articolo sui vostro canali e social network.

It's forbidden to copy, take screenshot, repost, publish, broadcast, show in public, encode, translate, transmit or distribute any section or content of this article without a written approval by METALHEAD.IT. It's allowed to post or publish a direct link to this article on your channels or social networks.

:

Comments are closed.