METALHEAD


KENZINER – “Phoenix”

by on Giu.25, 2020, under ALBUM, K

(Pure Steel Records) Era da tempo immemore che non sentivo parlare dei Kenziner di Jarno Keskinen, autori di due dischi di ottimo neoclassic metal alla fine degli anni ’90: i nostri erano già tornati sul mercato nel 2014, quindi a conti fatti “Phoenix”, che vede una lineup completamente rinnovata rispetto al passato, è il quarto album della band, che continua a dividersi fra power e neoclassic, con tocchi anche di shred e prog metal. Le tastiere incalzanti di “Eye of Horus” (sì, il disco è prevalentemente dedicato a tematiche egizie) fanno pensare a degli ultimi Rainbow leggermente ‘powerizzati’ in senso scandinavo, con evidenti riferimenti a Stratovarius e forse a band di nicchia come i Celesty o i Dreamtale (sullo sfondo naturalmente c’è sempre Malmsteen). Ubriacanti le trame di keys (e nel finale anche di chitarra) di “Listen to the Devil”, ottimo refrain per “Shadow of the Moon”; “Osiris rising” sconfina bene in quello che talora, a partire dagli Orphaned Land, si chiama ‘oriental metal’. Con “To Hell and back” ci si sposta ai margini dell’hard rock, si chiude con la sofferta ballad “The Miracle”. Un gradito ritorno, in un mercato molto diverso da quello di venti anni fa: ma trovo sia giusto lasciare ancora spazio ai Kenziner!

(René Urkus) Voto: 8/10

Attenzione / Warning

È vietato copiare, riprodurre, ripubblicare, pubblicare, visualizzare pubblicamente, codificare, tradurre, trasmettere o distribuire qualsiasi parte o contenuto di questo articolo senza previo consenso scritto da parte di METALHEAD.IT. È tuttavia liberamente consentito pubblicare un link diretto a questo articolo sui vostro canali e social network.

It's forbidden to copy, take screenshot, repost, publish, broadcast, show in public, encode, translate, transmit or distribute any section or content of this article without a written approval by METALHEAD.IT. It's allowed to post or publish a direct link to this article on your channels or social networks.

:

Comments are closed.