METALHEAD


EISREGEN – “Rostrot”

by on Dic.20, 2011, under ALBUM, E

(Massacre) Oscuri, tenebrosi, cattivi, spiritati, ma anche imprevedibili e inguaribilmente indisciplinati. Cosa altro ancora possano essere gli Eisregen è difficile dirlo. Oltre al canonico dark metal del quale sono da sempre autori, gli Eisregen anche con “Rostrot” propongono del black metal sparso, ma ampiamente concentrato in “Schakal: Ode an die Streubombe” e “Blutvater”, dai motivi sinfonici. C’è anche del death metal e del gothic, ad esempio “Kathi das Kuchenschwein”. Il carattere alla musica lo plasmano le tastiere e pianoforte, i quali insieme orchestrano trame sempre drammatiche, epiche e spesso sottolineate da tempi medi, determinando una forte tensione emotiva. Questo è “Rostrot”, una narrazione di stati d’animo e storie, sconosciute. Sconosciute perché non è solo l’avere sottomano una edizione non corredata da testi, ma anche la pervicace volontà nel cantare in tedesco, lingua certamente musicale, ma non universale come l’inglese. Gli elementi che non contribuiscono ad amplificare il lavoro degli Eisregen sono le chitarre, le quali osano poche volte lasciando l’impegno a sollevare artisticamente i pezzi, alla voce di Blutkehle, alla batteria di Yantit e appunto alle tastiere di Dr. Franzenstein. Una band d’esperienza, esistono da oltre 15 anni, con stile variegato, ma dal songwriting sicuramente migliorabile.

(Alberto Vitale) Voto: 6/10

Attenzione / Warning

È vietato copiare, riprodurre, ripubblicare, pubblicare, visualizzare pubblicamente, codificare, tradurre, trasmettere o distribuire qualsiasi parte o contenuto di questo articolo senza previo consenso scritto da parte di METALHEAD.IT. È tuttavia liberamente consentito pubblicare un link diretto a questo articolo sui vostro canali e social network.

It's forbidden to copy, take screenshot, repost, publish, broadcast, show in public, encode, translate, transmit or distribute any section or content of this article without a written approval by METALHEAD.IT. It's allowed to post or publish a direct link to this article on your channels or social networks.

:

Comments are closed.