METALHEAD


WILD – “En Tierra hostil”

by on Giu.23, 2014, under ALBUM, W

copwild(Sliptrick Records) I madrileni Wild vanno diretti al sodo: convincono con un disco, il secondo, che sfiora appena i 35 minuti, e che rinverdisce i fasti dell’heavy metal classico cantato in spagnolo, quello dei Tierra Santa, dei Baron Rojo e dei Saratoga. La band è stata fondata giò nel 2004 e ha all’attivo, come il genere comanda, anche due demo, uno split e ben 3 ep. “El Cazador” mette assieme chitarre maideniane e un approccio che ricorda, appunto, i sopracitati Tierra Santa di “Medieval”. “La Noche del Pechado”, già presente su un maxi-single dell’anno scorso, butta in pista un ritornello quasi hard rock; il mid-tempo “Las Marcas del Amor” si basa su un semplice ma efficace ritornello. Alle chiare suggestioni priestiane di “Soy la Ley” risponde la conclusiva titletrack: nella prima parte si può sentire qualcosa dell’epicità dei Manowar, mentre la sezione finale è di chiara matrice maideniana. A qualcuno potranno anche sembrare una raccolta di stereotipi del metallo (dall’abbigliamento ai temi dei testi ai suoni), ma vi garantisco che questi ragazzi ci sanno fare!

(Renato de Filippis) Voto: 7/10

 

Attenzione / Warning

È vietato copiare, riprodurre, ripubblicare, pubblicare, visualizzare pubblicamente, codificare, tradurre, trasmettere o distribuire qualsiasi parte o contenuto di questo articolo senza previo consenso scritto da parte di METALHEAD.IT. È tuttavia liberamente consentito pubblicare un link diretto a questo articolo sui vostro canali e social network.

It's forbidden to copy, take screenshot, repost, publish, broadcast, show in public, encode, translate, transmit or distribute any section or content of this article without a written approval by METALHEAD.IT. It's allowed to post or publish a direct link to this article on your channels or social networks.

:

Comments are closed.