METALHEAD

PROJECT CZAR – “Fight To The Light”

by on dic.18, 2014, under ALBUM, P

copprojectczar(New Model Label) Emozioni ed atmosfere della vita di Ivan Perugini, leader di questa band Italiana. Nove tracce ricche di energia, di sfogo, di canalizzazione di stati mentali, siano essi piacevoli o meno, nostalgici o semplicemente emozionali. Dopotutto questa è un po’ la ragione per la quale esiste rock, quella valvola di sfogo attraverso la quale passa di tutto, (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

GRAVES AT SEA / SOURVEIN – “Split EP”

by on dic.18, 2014, under ALBUM, G, S

copGRAVES_AT_SEA_SOURVEIN(Seventh Rule Recordings) Dissacrante unione di titani che con questo split riescono a sommare le forze per dare origine ad un macigno dal peso infinito, dalla potenza estrema… brutale, incisivo, letale. Lato A: terrore estremo per ogni amplificatore, ogni maledetto dispositivo pensato per emettere suono. I Graves At Sea sputano in faccia due tracce immense, di lunga (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

DUIRVIR – “Idho”

by on dic.18, 2014, under ALBUM, D

copDUIRVIR(autoproduzione) Sincero e puro black metal proveniente dal nord est Italiano. I Duirvir arrivano così al debutto dopo varie cambi di line up, una costante ricerca dei componenti in grado di sostenere il lavoro creativo dei due chitarristi e fondatori della band. Il progetto è molto giovane (2011) e ha alle spalle solo un demo; la loro musica un po’ risente di questa (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

APOSTLE OF SOLITUDE – “Of Woe and Wounds”

by on dic.18, 2014, under A, ALBUM

copapostleofsolitude(Cruz del Sur Music) Il doom metal è un genere che è letteralmente (ri)esploso in questi ultimi anni; la redazione di MetalHead è invasa da prodotti digitali o fisici che rimbombano della musica del destino, e – inevitabilmente – arrivano tante cose che, pur non demeritando, non spiccano in particolare in un mercato (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

INFESTUM – “Monuments of Exalted”

by on dic.17, 2014, under ALBUM, I

copinfestum(Lacerated Enemy) Mostruosi. Andrebbero definiti così gli Infestum della lontana Bielorussia. Non si è in presenza del solito pagan metal del quale la band in passato è stata promotrice. Assolutamente no, infatti dopo quattordici anni di attività e due album, del (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

THEE MALDOROR KOLLECTIVE – “Knownothingism”

by on dic.17, 2014, under ALBUM, T

coptheemk(Argonauta Records) “Clarity, oh Open Wound” nonostante la sua malinconica dolcezza, non impressiona nella sua prima parte, ma quando nella seconda metà l’atteggiamento free-form psichedelico, tra Pink Floyd epoca ’67-’69, Magama e oscurità sonore emergono, ecco che la sensazione di trovarsi di fronte (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

CORBEAUX – “Hit the Head”

by on dic.17, 2014, under ALBUM, C

copcorbeaux2(autoproduzione) Ho conosciuto i Corbeaux grazie a uno split con i Volt Face (QUI recensito e QUI intervistati). Autori di un post rock che ha connotati esclusivamente strumentali, le atmosfere dei francesi rievocano uno stile (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

DUIR – “Tribe”

by on dic.17, 2014, under ALBUM, D

copduir(Autoproduzione) Ancora folk metal, ancora nord Italia: la redazione virtuale di MetalHead è stata piacevolmente assalita, negli ultimi tempi, da demo di giovanissime formazioni settentrionali dediche alle varie sfumature del metallo pagano, celtico e battagliero. Alla mia lista si aggiungono oggi i Duir, (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

ODIUM – “The Science After Dying”

by on dic.16, 2014, under ALBUM, O

copodium(Noisehead Records) Settimo album per gli Odium, band Tedesca sulle scene da vent’anni. Sin dalle prime note della title track, posta in apertura del disco, si nota come il sound del gruppo affondi le proprie radici nel thrash metal di stampo Statunitense, mitigato, in alcuni brani da melodie catchy che conferiscono immediatezza e un certo appeal commerciale, (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

9000 JOHN DOE – “Redneck Is The New Black”

by on dic.16, 2014, under 0-9, ALBUM

cop9000JohnDoe(Mighty Music/Target) Questi sono completamente fuori di testa. Sballati. Veramente fuori controllo. Al limite del demente! Spaccano tutto, devastano tutto, sono delle schifose locuste che divorano quel che trovano lasciandosi dietro solo pura desolazione. Già il moniker è quasi senza senso: 9000 è il CAP del paese dove abitano nel nord della Danimarca, mentre “John (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

THE UNCHAINING – “Ruins At Dusk”

by on dic.16, 2014, under ALBUM, U

copTheUNCHAINING(Behemoth Productions) Con estremo ritardo rispetto alla data release, abbiamo modo di valutare questo album della one man black metal band friulana. Premesso che a “Rain At Dusk” già fa seguito l’album del 2014 intitolato “Fornost Erain”, è comunque assolutamente piacevole valutare questo (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

ITNUVETH – “The Way of the Berserker”

by on dic.16, 2014, under ALBUM, I

copitnuveth(Xtreem Music) Gli spagnoli Itnuveth esordiscono con questo “The Way of the Berserker”, disco che giudico molto acerbo, e che mi ha suscitato curiosità soltanto perché dietro al microfono, ad assalirci con uno screaming ruvido, c’è una donna, Lianne. “Legacy of a dead Wolf” è un discreto viking vintage, (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

OBSCURITY – “Vintar”

by on dic.15, 2014, under ALBUM, O

copobscurity(Trollzorn Records) Ah, il viking metal! Quello originale e originario, dai suoni secchi e ghiacciati, amico del death, ma che non disdegna il contatto con il black! Quello che disegna scenari di guerra, ma anche di freddo implacabile, di natura nel pieno della sua furia, di divinità antiche e sanguinarie! (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

FIMBULVET – “Frostbrand – Eines Bildnis Tracht”

by on dic.15, 2014, under ALBUM, F

copfimbulvet(Einheit Produktionen) Dai boschi della Turingia giunge il quarto disco dei Fimbulvet, il secondo a portare il titolo ‘Fuoco ghiacciato’ (“Frostbrand”). Come la regione tedesca da cui provengono, ancora selvaggia e rurale, i nostri sono rimasti del tutto incontaminati dalle ultime tendenze in fatto di (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

0 – “Simplifying a Demon”

by on dic.15, 2014, under 0-9, ALBUM

cop0(autoprodotto) Dai meandri del materiale strano che ci viene sottoposto estraggo con estremo piacere questo album. La band si chiama 0. Numero Zero. Il nulla. La nullità. Il non essere. L’album si chiama “Simplifying a Demon”… titolo criptico visto e considerato che qui stiamo semplificando il concetto stesso (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

ACOD – “Another Path”

by on dic.15, 2014, under A, ALBUM

copACOD(Autoproduzione) Terza uscita discografica per i Marsigliesi Acod, band attiva dal 2006 con due full lengths all’attivo. “Another Path” è un EP contenente cinque interessanti pezzi di metal moderno che prende molto dal death melodico di scuola Scandinava e arricchito da sonorità thrashy e qualche spruzzata di (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

SEAHOUSE – “Cristalli”

by on dic.14, 2014, under ALBUM, S

copSeaHouse(New Model Label) Una tormenta di suoni ed emozioni. Gli Italiani Seahouse non sono classificabili, non si possono descrivere. Si possono solo godere. Dieci tracce ricche di attesa, suspance, stimoli, ispirazioni, nervosismi, tranquillità, ragione, pazzia. Forse appartengono al mondo del prog, se vogliamo usare questo termine come “tutto quello che non è (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

CRUACHAN – “Blood for the Blood God”

by on dic.14, 2014, under ALBUM, C

copcruachan(Trollzorn Records) Non credo di dovervi spiegare che i Cruachan sono una delle colonne portanti del pagan metal: nonostante grandi difficoltà, gli anni che passano, cambi di line-up e sostanzialmente anche di genere, Keith Fay e compagni sono sempre qui a offrirci la loro personalissima visione dei suoni heathen. (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

NIPPERCREEP – “Annales Herpétiques”

by on dic.14, 2014, under ALBUM, N

copnippercreep(Chabane’s Records) Esagitata band della Francia centro-meridionale che spara a mille un metal-hardcore, come si faceva tanti e tanti anni fa. I Nippercreep sono diretti discendenti dei SOD, dei D.R.I. del loro periodo crossover, oppure dei Black Flag, ma in una versione stravolta e sfinita: insomma una pura mazzata di metallo (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

ATHESIS – “Athesis”

by on dic.14, 2014, under A, ALBUM

copathesis(Ghost Label) Esordio in digitale per i milanesi Athesis (a quanto leggo nelle note promozionali, antico nome del fiume Adige) con questo ep di 3 tracce più intro d’amosfera. I pezzi si rivelano tutti interessanti per motivi diversi. “Hostilia” sferra colpi guerreschi con un power/death veloce e ficcante: chi però cerca (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

APHONIC TRENODY – “When Death comes”

by on dic.13, 2014, under A, ALBUM

copaphonictrenody(Doomentia Records) La trenodia è il canto funebre dell’antica poesia greca: cosa potete immaginare di più disperato e atroce di un canto funebre… senza voce? Gli Aphonic Trenody (complimenti per il monicker!) sono un supergruppo di funeral doom con molti partecipanti italiani, che mette insieme membri di (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

IN-DIVIDE – “The Passengers”

by on dic.13, 2014, under ALBUM, I

copindivide(This Is Core) Gli In-Divide nascono dall’incontro di ex membri di If I Die Today, Startoday e Screaming Eyes, nella seconda metà del 2013. Il quartetto italiano nel febbraio di questo anno ha registrato “The Passengers”, album preso in cura dalla This Is Core Music, sempre attenta alle cose moderne. La band si propone con (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

CORONATUS – “Cantus lucidus”

by on dic.13, 2014, under ALBUM, C

copcoronatus2(Massacre Records) Assai prolifici e sempre interessati da sostanziosi cambi di line-up, i tedeschi Coronatus danno alle stampe, ancora per la Massacre Records, il proprio sesto album, come sempre dotato di un titolo in latino. Cambiamenti rispetto al passato non ce ne sono (QUI la recensione del (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

SOULSPIRYA – “EP”

by on dic.13, 2014, under ALBUM, S

copSoulspirya(autoproduzione) Strano progetto questo duo italiano. Autori di musica senza definizione, forse da ascoltare ed eventualmente definire, effettivamente riescono a spiazzare, ad incuriosire, attirare. Un chitarrista. Un tastierista. Una comune voglia di impattare, specialmente dal punto di vista visuale (i loro (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

LEAVE THE CIRCUS – “Mindless Mass”

by on dic.12, 2014, under ALBUM, L

copleavethec(Another Side Records / Metal Scrap Records) Dopo pochi secondi di ascolto, addirittura dopo metà dell’intro intitolata “First Blood”, è palese che il prodotto di questa band è curato ed accattivante. Un crescendo di batteria, violini e synth che fa aumentare l’interesse e la voglia di scoprire cosa riserva l’EP dei greci Leave the Circus. Ed (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

MYSTICAL FULLMOON – “Chthonian Theogony”

by on dic.12, 2014, under ALBUM, M

copMYSTICALFULLMOON(Beyond…Prod.) Cinque eterni anni. Tanto è passato dall’ultimo album degli Italiani Mystical Fullmoon, album che era anche il debutto nonostante la band sia sulle scene da molto più tempo. Un’attesa premiata da questo poderoso trofeo: un’ora di musica grandiosa, trionfale, complessa, contorta. Sarebbe (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

GUERRA TOTAL – “Cthulhu Zombies & Anti-Cosmic Black Goats”

by on dic.12, 2014, under ALBUM, G

copguerratotal(Iron Shield Rec.) Avendo letto le opere di Howard P. Lovecraft, mi precipito su ogni album che contenga riferimenti allo scrittore statunitense, come “Cthulhu Zombies & Anti-Cosmic Black Goats” dei colombiani Guerra Total. Nati come Eternal Dark, cinque anni dopo, nel 2002, la band cambia nome e realizza cinque album. (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

BLIND PETITION – “Law and Order”

by on dic.12, 2014, under ALBUM, B

copblindpetition(Breaking Records) Le note promozionali li presentano come dei veterani dell’heavy metal, e effettivamente il primo embrione degli austriaci Blind Petition risale addirittura al 1974: però nella loro musica c’è poco (se non niente) di metal con la M maiuscola. Il settimo full-lenght della band, (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

ISOLE – “The Calm Hunter”

by on dic.11, 2014, under ALBUM, I

Isole_Booklet.indd(Cyclone Empire) Con una copertina davvero inquietante arriva in redazione il sesto album degli Isole, una delle ultime istituzioni dell’epic doom metal composto secondo i parametri classici, quelli di metà anni ’90, comunque sempre aggiornati e intelligentemente evoluti ai nuovi tempi. Per quel che mi riguarda, (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

THAW – “Earth Ground”

by on dic.11, 2014, under ALBUM, T

copthaw(Witching Hour Productions) Thaw: un mondo oscuro che diventa suono. Secondo album. Ciò che era sperimentale diventa stile, diventa marchio di fabbrica, diventa un efficace canale artistico con il quale questo gruppo polacco esprime decadenza allo stato puro. Già il precedente omonimo disco (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

BENEATH THE STORM – “Evil Reflection”

by on dic.11, 2014, under ALBUM, B

copBeneathTheStorm(Argonauta Records) Torna la one man band slovena con il suo carico di decadenza, sofferenza, malinconia. Agonia. Ancora una volta, come per il precedente lavoro, oltre un’ora di malvagità e toni cupi, oscuri, privi di speranza. “Helen” è perversa. Contiene un respiro malvagio, un alito putrefatto che (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

BATTLEAXE – “Power from the Universe”

by on dic.11, 2014, under ALBUM, B

copbattleaxe2(SPV) I Battleaxe sono tornati da qualche anno in attività (QUI la recensione di “Heavy Metal Sanctuary”), sicché la SPV ha ben pensato di ristampare il loro secondo album, “Power from the Universe”, in occasione del trentennale dall’uscita (ebbene sì, era il lontanissimo 1984!). Un disco (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

GRORR – “The Unknown Citizen”

by on dic.10, 2014, under ALBUM, G

copGrorr(Vicisolum Productions) Tornano con il terzo imponente lavoro i maestri francesi dei concept albums. Impegnati fino ad un livello che definirei perverso nel concetto che sta dietro ogni loro disco, sono sempre riusciti a dare vita a storie o fiabe che si spingono fino all’assurdo, come con il precedente disco, dove si parla della sociale della vita delle formiche. L’aspetto (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...