METALHEAD

KARMA TO BURN – “Arch Stanton”

by on set.01, 2014, under ALBUM, K

copkarmatob(FABA/deepdive Records/H’ART/Believe Digital) Eccoli, di nuovo e a tre anni da “V”. I Karma To Burn non sviliscono nulla delle loro sane abitudini. Pezzi come sempre strumentali e potenti. Impatto impressionante per queste otto canzoni ovviamente intitolate con dei numeri a caso, com’è d’uso per i Karmas. Registrato al Faba Studio di Biel, in Svizzera, “Arch Stanton” è una sana e furiosa cavalcata stoner, nelle quale le chitarre si esibiscono con fare vibrante e possente e tese a svolgere una serie di riff che si infilano in melodie (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

DESTRUKTOR / THRONEUM – “A Prophecy of Nihilism”

by on set.01, 2014, under ALBUM, D, T

copdestruktor + throneum(Hells Headbangers) Uno spietato split 7” che vede unite nel male due ottime band: gli Australiani Destruktor, death metallers feroci, ed i Polacchi Throneum, più sepolcrali e decadenti con il loro death incrociato con gli albori del black. I Destruktor propongono un pezzo veloce, non lunghissimo, orientato su precisione e violenza estrema. I riff sono devastanti, assaltano senza (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

SAISON DE ROUILLE – “Déroutes Sans Fin”

by on set.01, 2014, under ALBUM, S

The Peter Iredale Shipwreck(Autoproduzione più altri*) Deriva sonora verso catastrofe, oscurantismo, atmosfere ossessive e disturbate, con un fare alla Godflesh ma in versione meno fredda. “Déroutes Sans Fin” è un’opera arsa, dissanguata da sentimenti e sacrificata ad una sorta di freddo formalismo che disciplina i ritmi possenti, marcati e in alcuni casi dall’istinto tribale. Chitarre scarne, ipnotizzate, scheletriche e voci oscure. (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

EMBRACE OF DISHARMONY – “Humananke”

by on set.01, 2014, under ALBUM, E

copembraceofdisharmony(My Kingdom Music) La già ricchissima scena prog romana si allarga con un’altra band meritevole: parlo degli Embrace of Disharmony, qui all’esordio su full-lenght, ai quali in realtà la definizione di ‘formazione progressive’ sta decisamente stretta. Per quanto sia subito evidente che i nostri guardano molto (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

BJARM – ”Imminence”

by on ago.31, 2014, under ALBUM, B

copBjarm(Fono Ltd) Se il symphonic black più spinto sembra un po’ assopito, anche a causa della lunga pausa di grandi acts come i Dimmu Borgir, allora un marcato risveglio sembra arrivare dal nord della Russia, luogo che da origine ai Bjarm, band formata nel 2010 ora al debutto con “Imminence”. Una copertina molto ben creata (anche il (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

MACERATION – “A Serenade of Agony” (Reissue)

by on ago.31, 2014, under ALBUM, M

copmaceration(Punishment 18 Records) Interessante ristampa da parte della Punishment 18 Records dell’unico album dei Maceration, band nelle cui fila militavano due membri degli Invocator (Jakob Shultz e Jacob Hansen), mentre alla voce e tastiere troviamo il geniale Dan Swano, già con Edge Of Sanity, Therion e Bloodbath. Musicalmente, la band propone un death metal di tipo americano che pesca a piene mani dai grandi dell’epoca (l’album è del 1991) quali Death, Obituary (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

DIFLEGER – “Dreamcatcher”

by on ago.31, 2014, under ALBUM, D

copDifleger(Argonauta Records) Distorsioni. Distorsioni degli strumenti, dell’atmosfera, della percezione, del pensiero. Pura sperimentazione. Suoni corrotti, perversi, decadenti capaci di materializzarsi in una sensazione infernale, terribile, occulta, resa ancora più instabile e disperata dalle linee vocali estreme, un growl deviato e devastato da (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

CRIMSON SHADOWS – “Kings among Men”

by on ago.30, 2014, under ALBUM, C

copcrimsonshadows(Napalm Records) Cosa accadrebbe se i Children of Bodom dei bei tempi andati incontrassero i Dragonforce e decidessero di scrivere un disco insieme, senza rinunciare ciascuno ai trademark della propria musica? Probabilmente uscirebbe qualcosa di molto simile a “Kings among Men” dei Crimson Shadows. (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

DEFYING – “Nexus Artificial”

by on ago.30, 2014, under ALBUM, D

copdefying(Autoproduzione) Dopo un paio di contatti casuali con l’est europeo, in Polonia deve essersi sparsa la voce che noi di MetalHead siamo bravissimi: e quindi ancora una volta dalla terra dell’Aquila bianca ci giunge un interessante debut per il quale, almeno al momento, abbiamo l’esclusiva in Italia! I Defying (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

DISTURBANCE PROJECT – “Grita Mientras Puedas”

by on ago.30, 2014, under ALBUM, D

copdisturbanceproject(EveryDayHate) Venti minuti di inaudita violenza! Non saprei descrivere meglio questo debutto degli Spagnoli Disturbance Project, fautori di un grind core che richiama alla mente i primi Napalm Death, Lock Up, Terrorizer e Filthy Christians. Venticinque schegge impazzite suonate a velocità siderali senza, per questo risultare confusionarie. Il bagaglio tecnico dei musicisti è infatti elevato, il riffing è letale ma non caotico e ogni passaggio è ben comprensibile, mentre (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

HAMMERFALL – “(r)Evolution”

by on ago.29, 2014, under ALBUM, H

copHAMMERFALL(Nuclear Blast) C’è solo un modo per definire gli HammerFall: gloriosi. Gloriosi inteso come eroici, meritevoli dell’immortalità, consegnati all’eternità. Sono tornati dopo circa tre anni di silenzio discografico, dopo una pausa annunciata (il riposo -meritato- del guerriero?), più leggendari che mai! Non hanno perso assolutamente (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

THE ARKANES – “W.A.R.”

by on ago.29, 2014, under A, ALBUM

copArkanes(SPV) Che band strana. Idee chiare ma direzione imprecisa, non riconoscibile, fuori schema. Moderni, a volte. Antichi, più spesso. Tradizionali, quasi 70s…ma dannatamente grunge. Ma il loro grunge è -per quanto possa sembrare assurdo- di marcato stampo hard rock. Basta ascoltare la opener “Onus”: grunge, quasi (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

VARDAN – “Enjoy of Deep Sadness”

by on ago.29, 2014, under ALBUM, V

copVARDAN(Moribund Records) Mostruoso. Pochi mesi fa ho recensito l’ottimo “The Wood Is My Coffin”, ed ora un altro lacerante lavoro di questa iperattiva one man band siciliana. E’ un black metal lento, malato, pieno di sofferenza, ansia, depressione, esaltazione del lato oscuro della vita… e della morte; questo nuovo lavoro (il terzo nel 2014), composto da tre imponenti nuove tracce di (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

UNREAL TERROR – “Hard Incursion”

by on ago.29, 2014, under ALBUM, U

copunrealterror(Jolly Roger Records) Anche l’underground italiano ha dei segreti da svelare: la Jolly Roger Records rispolvera così il primo e (finora) unico full-lenght dei pescaresi Unreal Terror, uscito originariamente nel 1986 dopo un demo e un ep (quest’ultimo, dal titolo “Heavy and Dangerous”, (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

MASTHAR – “Masthar”

by on ago.29, 2014, under ALBUM, M

copmashtar(Autoproduzione) A chiunque abbia visto il film, la copertina del debut dei Masthar non può che ricordare “Donnie Darko”: ma dato che i francesi suonano stoner, mi sembra che le atmosfere della loro musica siano abbastanza lontane da quelle della pellicola. “Masthar” è un disco breve, che va subito al sodo (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

KONKEROR – “The Abysmal Horizons”

by on ago.28, 2014, under ALBUM, K

copKonkeror(Lacerated Enemy Records) Debutto per gli Statunitensi Konkeror, band nata nel 2011 a Detroit (Michigan). Il genere proposto è un progressive death metal che richiama le sonorità dei Nocturnus per quanto riguarda l’utilizzo di alcuni effetti “spaziali”, solitamente messi verso la conclusione dei brani e che fungono da collante tra un pezzo e l’altro. Le canzoni poggiano su riffs di impostazione thrash ma frequenti sono le aperture melodiche e le fughe strumentali che richiamano alla memoria i Death post “Human”. (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

HARAKIRI FOR THE SKY – “Aokigahara”

by on ago.28, 2014, under ALBUM, H

copHarakiri_For_The_Sky(Art of Propaganda) Brutalità melodica che tuona dall’Austria. Il moniker -enigmatico- Harakiri For The Sky, nasconde due amici, JJ che si occupa di testi e voce (è anche la mente dietro gli Austriaci Karg, black metal ambientale) e MS (dei Bifröst, sempre Austriaci) , la mente centrale, il compositore e colui che cura tutti gli strumenti. Sono al (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

PALE HORSEMAN – “Mourn the Black Lotus”

by on ago.28, 2014, under ALBUM, P

coppalehorseman(Autoproduzione) Lo so, non è la prima volta che litigo con un disco doom o sludge… però, a mio modesto parere, per suonare questo genere serve criterio. Ripetere lo stesso riff (o peggio la stessa nota!) per un quarto d’ora NON E’ fare musica. Chiudere i brani con tre minuti di riverberi e feedback dell’amplificatore (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

BLOODHUNTER – “Bloodhunter”

by on ago.28, 2014, under ALBUM, B

copbloodhunter(Suspiria Records) Full Length di debutto per Bloodhunter, band Spagnola attiva dal 2008, ma con una formazione stabile solo dal 2012, anno in cui cominciano a scrivere i brani che formeranno il loro primo demo “The First Insurrection”, uscito nel 2013 il quale fa ben capire che direzione assumerà il loro sound che pesca molto dal death metal, soprattutto per quanto riguarda la voce growl della singer Diva Satanica o alcune accelerazioni molto brutali controbilanciate da parti più (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

IL RICORDO DELLA PANTERA, Steel Panther alla Laiterie di Strasburgo, 17.06.2014

by on ago.27, 2014, under METALSIDE

fotoxspaperturaA detta di alcuni, di qualcuno in particolare, “All You Can Eat” è un gran bell’album. Quel tizio lo racconta QUI. Giudizi così entusiastici, uniti alla fama degli Steel Panther, mi spinsero ad andare ad ascoltare Mike Starr e soci, di passaggio alla Laiterie di Strasburgo, per quella che poi sarebbe stata la mia prima volta a un concerto di una band sleaze/hard rock. (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

PACT – “The Infernal Hierarchies, Penetrating the Threshold of Night”

by on ago.27, 2014, under ALBUM, P

copPACT(Moribund Records) Secondo blasfemo album per i black metallers americani (Pennsylvania) Pact. Il loro black sembra una malvagia ed accurata evoluzione di un death metal tecnico ed estremamente brutale. In un certo senso ricordano i Marduk e pure qualcosa dei 1349 o Dark Funeral, e questo per la furia espressa, quella viscerale fonte di odio che emerge durante l’ascolto (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

LOU SIFFER AND THE HOWLING DEMONS – “At your Service”

by on ago.27, 2014, under ALBUM, L

coplousiffer(Mighty Music) Se volete un po’ dell’heavy metal più caciarone, basilare e divertente, quello strettamente imparentato con il rock, quello da mettere su durante un lungo viaggio in auto, o per una festa alcolica con gli amici, allora potete rivolgervi tranquillamente al bassista svedese Lou Siffer e alla sua allegra compagnia di Howling Demons. Per il loro secondo disco, gli scandinavi allineano tredici pezzi che praticamente mai superano i tre minuti (per cui tutto il disco (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

KING BUZZO (BUZZ OSBORNE) – “This Machine Kills Artists”

by on ago.27, 2014, under ALBUM, K

copbuzzo(Ipecac Recordings) Cosa ci si poteva aspettare dal primo album solista di Buzz Osborne, mente illuminata dei Melvins? Un album fatto esclusivamente con voce e chitarra acustica. Stop, fine. Niente di più. Uno dei musicisti più versatili della scena rock americana si disintossica delle distorsioni, della chitarra elettrica, del grunge, rock, stoner, nois e tutto il resto e si mette a recitare come uno svalvolato Nick Drake! (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

SWASHBUCKLE – “We hate the Sea”

by on ago.26, 2014, under ALBUM, S

copswashbuckle(Get this Right Records) Dopo i due dischi con la Nuclear Blast, l’ultimo dei quali datava al 2010, si erano un po’ perse le tracce dei pirati del New Jersey: eccoli finalmente riapparire con un 7’’ limitato a 500 copie, con quattro brani rapidissimi per un totale di appena sette minuti di musica. Naturalmente non dovete aspettarvi niente più e niente meno che una tempesta di thrash inarrestabile, anche se dai miei (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

MACH22 – “Sweet Talk Intervention”

by on ago.26, 2014, under ALBUM, M

copMACH22(autoproduzione) Sostanzialmente a cavallo tra il sano e schietto hard rock, e quel rock bluesy derivante dallo stile degli AC/DC. Ed il tutto con un pizzico di follia, che arriva a toccare pure piccoli accenni rap. E’ questa la proposta dei debuttanti MACH22, band che emerge da Philadelphia, con nel curriculum la vittoria di un concorso che li ha visti suonare sul palco con Slash. E (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

PROFANATICA – “Thy Kingdom Cum”

by on ago.26, 2014, under ALBUM, P

copprofanatica(Hells Headbangers) I Profanatica sono agli albori della scena (mai troppo sviluppata) black metal americana. Nati da elementi degli Incantation, la band ha poi creato una serie di pubblicazioni dai primordi degli anni ’90 ad oggi. “Thy Kingdom Cum” è il terzo album in studio e rappresenta un black metal contaminato dalle primissime forme del death metal, ma il tutto con un taglio dozzinale, ruvido, estremamente sporco e sommamente ripetitivo negli schemi compositivi. (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

SKYCONQUEROR – “Under the Pentagram”

by on ago.25, 2014, under ALBUM, S

copskyconqueror(Autoproduzione) Non facciamo finta di niente, spesso l’heavy metal è una somma di stereotipi. Serve il riff fatto in un certo modo, il ritornello da pugno al cielo, l’assolo al posto giusto… anche le foto promozionali, il booklet e la copertina devono rispettare determinati parametri, altrimenti (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

THE SCINTILLA PROJECT – “Hybrid”

by on ago.25, 2014, under ALBUM, T

copthescintilla(UDR/Steamhammer) Strano disco, quello che mi ritrovo fra le mani. Per come la leggo nelle note promozionali, la storia è più o meno questa: affascinato dai temi del film “Scintilla”, uno sci-fi horror di produzione britannica, Bill Byford avrebbe contattato Andy Sneap per la formazione di un ‘supergruppo’ (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

CRYSTAL EYES – “Killer”

by on ago.25, 2014, under ALBUM, C

copcrystaleyes(Massacre Records) Dai recessi della mia memoria recupero il nome dei Crystal Eyes: sono certo di avere da qualche parte un loro disco di diversi anni fa… da uno degli scaffali più datati estraggo infatti “Chained”, del 2008. Lo riascolto e mi pento di averlo trascurato in questi anni. Dopo sei anni di silenzio, dunque, gli svedesi tornano sul mercato con questo “Killer”, full-lenght numero 7 della loro discografia: il loro heavy/power metal grintoso e ben bilanciato si (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

THE MEATFUCKERS – “Porn Again”

by on ago.25, 2014, under ALBUM, M

copMEATFUCKERS(Music Solutions Agency) Secondo album per i Messicani The Meatfuckers, nati nel 2006 e fautori di un brutal death metal con testi incentrati sul porno, sadomasochismo e depravazioni assortite. Dopo diversi cambi di formazione, numerosi concerti soprattutto nell’hinterland di Guadalajara ed aver aperto per i Cannibal Corpse, nel 2008 la band realizza il debut album “Gangbang From Hell”; dopo altri avvicendamenti e concerti, il gruppo arriva registra nel 2012 (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

PROJECT TERROR – “Conquistador”

by on ago.24, 2014, under ALBUM, P

coprojectterror(Pure Steel) I Project Terror sono la nuova band di Ronnie Stixx, che sicuramente molti di voi ricorderanno come ex singer dei Vicious Rumors: di “Conquistador” si parlava già da un po’ di tempo, perché ricordo che qualche brano cominciò a circolare che era, forse, ancora il 2011. Naturalmente è facile immaginare (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

SKIDDAW – “Skiddaw”

by on ago.24, 2014, under ALBUM, S

copskiddaw(SixSixSix Music) Skiddaw è un duo black metal inglese formato da Razakel, voce e batteria, e Dominus, chitarra, basso e tastiere. I due provengono da esperienze con band black metal del proprio paese, come Baalberith e Ulfarr. Meno di un anno ed ecco la prima pubblicazione per questi valorosi alfieri del black pagano, ruvido, primevo e bilanciato tra fasi veloci e meno. Una intro epica, accattivante, seguita da tre brani e nei quali “Skiddaw Towers” (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...

AAVV – “JOY DIVISION’s Unknown Pleasures – The CVLT Nation Sessions”

by on ago.24, 2014, under A, ALBUM

copcvltnjd(CVLT Nation) La CVLT Nation presenta il quarto volume della serie di cover compilation e questa volta tocca ai Joy Division, con il celebre album “Unknow Pleasures”. A cimentarsi in queste rivisitazioni, per altro ben fatte, sono state dieci band* cioè tante quante le canzoni  che compongono l’album. Significative le sonorità dei Theologian, create in una zona di confine tra elettronica e noise, per “Candidate”, (continua a leggere…)

Commenti disabilitati : more...