METALHEAD


LAMB OF GOD, il quarto singolo “Routes”

by on Mag.29, 2020, under NEWS

I Lamb Of God hanno pubblicato “Routes”, il quarto singolo tratto dal loro omonimo album in uscita il 19 giugno su Nuclear Blast, che vede la partecipazione del cantante dei Testament, Chuck Billy.
Un visualizer della canzone è disponibile QUI.

Il testo di “Routes” prende ispirazione dal periodo del cantante D. Randall Blythe a fianco dei popoli indigeni della Standing Rock Sioux Reservation nel North Dakota durante il movimento No DAPL. Questa protesta, che è iniziata con poche donne e bambini nativi accampati sul posto per protestare contro la costruzione di un gasdotto così vicino alla loro fornitura di acqua su una terra illegittimamente espropriata, è cresciuta rapidamente fino a diventare un accampamento di migliaia di persone e ha ricevuto attenzione globale.

Blythe commenta, «Sono andato a Standing Rock perché avevo sentito notizie di violenze commesse sui manifestanti pacifici sia da parte delle forze dell’ordine che dai contractor di sicurezza privata, e questa violenza non è stata segnalata dai media mainstream. Sono andato a portare rifornimenti e sostenere queste persone, che cercavano di proteggere la loro acqua e quindi proteggere tutti, poiché tutto nel mondo naturale è protetto.
Ci sono stato una settimana, ho fatto grandi amicizie e ho imparato molto. È stata un’esperienza molto profonda nella mia vita e un giorno sapevo che avrei scritto una canzone su questo».

Sebbene Blythe trasmetta la sua storia attraverso l’intenso testo della canzone, ha chiamato il suo amico Chuck Billy, che è di origini indiane Pomo, per dare una più profonda autenticità alla sua narrazione.

«La mia esperienza, sebbene personale, è stata temprata e plasmata dalle centinaia di anni di brutale oppressione dei popoli indigeni nel nostro paese”, afferma Blythe. “Quindi, è stato indispensabile per me avere una voce di un nativo rappresentata nella canzone, e Chuck Billy era felice di essere quella voce. Alla fine, c’è una sezione di chiamata e risposta – Chuck chiama e io rispondo. Questo è intenzionale. Musicalmente, è simbolico della mia esperienza lì. Una voce indigena conduce, producendo energia positiva e chiamando le persone a unirsi, e io rispondo, fornendo supporto. Questa è stata la mia esperienza fisica, e si riflette nella canzone».

Chuck Billy aggiunge, «È stato un grande onore come orgoglioso nativo americano Pomo essere stato invitato dai Lamb of God a mettere la mia voce come ospite in questa canzone. Il movimento No DAPL da parte degli indigeni di questo paese è stato un evento storico. Essere in grado di prestare la mia voce per rappresentare il popolo nativo americano complimentandomi con la narrazione e il testo di Randy è qualcosa di veramente speciale per me. Sono contento che questo movimento sia stato inserito in un messaggio musicale e sono estremamente felice di averne fatto parte».

Il nuovo album vede anche la partecipazione speciale di Jamey Jasta (Hatebreed).

Attenzione / Warning

È vietato copiare, riprodurre, ripubblicare, pubblicare, visualizzare pubblicamente, codificare, tradurre, trasmettere o distribuire qualsiasi parte o contenuto di questo articolo senza previo consenso scritto da parte di METALHEAD.IT. È tuttavia liberamente consentito pubblicare un link diretto a questo articolo sui vostro canali e social network.

It's forbidden to copy, take screenshot, repost, publish, broadcast, show in public, encode, translate, transmit or distribute any section or content of this article without a written approval by METALHEAD.IT. It's allowed to post or publish a direct link to this article on your channels or social networks.

:

Comments are closed.