copmeridian(Mighty Music) Dopo due ep, i danesi Meridian si sentono pronti per il full-“length” e pubblicano questo “Metallurgy”: dal titolo potete subito capire che i nostri coltivano il metallo classico, pur se con qualche apertura al sound anni ’90. “Between Love and Hate” è magari un po’ canonica, ma non le manca la melodia. “Human Price” è un power/thrash grintoso, mentre abbiamo un approccio più rock in “Frozen in Time”. Il lavoro chitarristico è imponente in “The Machine” e “Seeking Immortal Life”, ma continuiamo a non allontanarci da un lavoro di maniera; solo nella conclusiva “Enemy”, che sfiora gli otto minuti, i Meridian tentano il gran salto con un pezzo più elaborato e massiccio. Non voglio certo bocciare questa simpatica band, ma devo dire che onestamente, almeno con questo debut, non riescono ad emergere dal calderone di genere.

(Renato de Filippis) Voto: 6,5/10