METALHEAD


HAEMOTH – “In Nomine Odium”

by on Nov.03, 2011, under ALBUM, H

(Debemur Morti Prod./Audioglobe) L’ultima volta che il duo francese Haemoth diede notizia di se è stato nel 2005 con un mini dal titolo “Kontamination”. Successivamente le tenebre li hanno inghiottiti, ma adesso è giunto il momento di risputarli fuori. Forse nemmeno l’inferno dell’oblio ha intenzione di covare in grembo questo grumo di odio, satanismo e maledizione. “In Nomine Odium” è un estremo raw black metal, racchiuso in sette pezzi corrosivi, sfrenati e apocalittici. Haemoth, voce, chitarra e basso, e Syth, batteria, costruiscono un sound distruttivo e potente, ma dai contorni poco definiti, ovvero grezzi e caotici come un true black metal richiede. Non occorrerebbe nemmeno segnalare qualche brano, vista la granitica  in particolare, ma una breve citazione per “Son of the Black Light”, la quale ha un certo fascino, e la funerea “…and Then Came the Deceased”, è possibile spenderla visto che sono i due brani sensibilmente più lunghi. Rispettivamente 8′ e oltre e quasi 10′. I sette figli maledetti dell’odio scorrono con devastante fluidità e avvicinarsi ai loro lamenti è doveroso, per chi è votato al culto!

(Alberto Vitale) voto: 7/10

Attenzione / Warning

È vietato copiare, riprodurre, ripubblicare, pubblicare, visualizzare pubblicamente, codificare, tradurre, trasmettere o distribuire qualsiasi parte o contenuto di questo articolo senza previo consenso scritto da parte di METALHEAD.IT. È tuttavia liberamente consentito pubblicare un link diretto a questo articolo sui vostro canali e social network.

It's forbidden to copy, take screenshot, repost, publish, broadcast, show in public, encode, translate, transmit or distribute any section or content of this article without a written approval by METALHEAD.IT. It's allowed to post or publish a direct link to this article on your channels or social networks.

:

Comments are closed.