METALHEAD


DIRTY GRAVE – “Evil Desire”

by on Feb.27, 2018, under ALBUM, D

(Grimm Distribution/Todestrieb Records/Satanath Records) Lo sosterrò sempre, sino alla morte: certo doom è molto più maligno di tanto black pomposo e mascherato come i suoi componenti. I Dirty Grave sono protagonisti di uno spassionato inno agli anni ‘settanta e a tutto il doom di quel periodo. I suoni, le registrazioni, le auree soffuse… Lord Vicar ne sarebbe orgoglioso, ne son sicuro. I brasiliani hanno messo su un bel baraccone, fatto di Black Sabbath e Cirith Ungol, un doom seminale ma non troppo, chitarre con suoni vecchi di quasi cinquant’anni e atmosfere leggermente psichedeliche. E non è forse questo il diavolo? Una ragazza nuda con la maschera di capro che danza sinuosa e sensuale sopra una tomba ancestrale nel ben mezzo di un cimitero in un ipnotico plenilunio? Questo trasmette l’album, una sorta di inno alla malvagità vista come morbosa e ammiccante malizia senza freni o remore, dove il male è libertà d’espressione e controtendenza. Questo disco riporta indietro il tempo ad un tempo che più non c’è. Grazie.

(Enrico Burzum Pauletto) Voto: 8,5/10

Attenzione / Warning

È vietato copiare, riprodurre, ripubblicare, pubblicare, visualizzare pubblicamente, codificare, tradurre, trasmettere o distribuire qualsiasi parte o contenuto di questo articolo senza previo consenso scritto da parte di METALHEAD.IT. È tuttavia liberamente consentito pubblicare un link diretto a questo articolo sui vostro canali e social network.

It's forbidden to copy, take screenshot, repost, publish, broadcast, show in public, encode, translate, transmit or distribute any section or content of this article without a written approval by METALHEAD.IT. It's allowed to post or publish a direct link to this article on your channels or social networks.

:

Comments are closed.