METALHEAD


ENTROPY CODING – “Tales of the Moon”

by on Ott.26, 2018, under ALBUM, E

(Agoge Records) Release interessante, molto interessante. Non si tratta di una band nel senso stretto del termine, ma di un progetto dalla tastierista e compositrice romana Susanna Coltrè (ex Embrace of Disharmony), la quale desiderava interpretare in vari modi il metal sinfonico. La necessità stilistica era di avere un vasto range di musicisti ospiti, con diversi background stilistici e di genere, in modo da forgiare qualcosa di unico, con una serie di voci distintive. L’incontro con il produttore e proprietario dell’etichetta ha reso il sogno possibile, realizzabile, concreto… e reale. Il disco presenta nove tracce di intenso metal sinfonico, che spazia da Conception a Stratovarious, passando per una versione heavy dei Dream Theater, sfiorando i Kenziner, il tutto con tocchi progressivi intensi, ed una visione dinamica globale estremamente identificativa. Trionfale, tirata ed atmosferica, ricca di sviluppi tecnici interessanti la possente “Neon in the Dark”, brano nel quale si svela la fantastica e sensuale voce femminile. Progressiva e provocante “Feel The Air”, brano nel quale anche la voce maschile si rivela con prepotenza e convincente performance. Impostazione più sinfonica, più da opera, con l’ottima “Luna”, brano dove impostazioni da soprano prendono il sopravvento per l’immenso piacere dell’ascoltatore. Stupenda “Eclipse”, con la sua dimostrazione esplicita ed arrogante di tecnica superiore. Teatralità e symphonic metal super classico (come quello della vecchie line up della citata band finlandese) con “Knight Prisoner”, potentissima e aggressiva “The Wolf’s Trap”, prima del gran finale affidato a “Shining Through Out Light”, un brano certamente progressivo, ma con una radice sostanzialmente power. Originale nell’insieme, un po’ meno nella resa stilistica dei brani, questo progetto vanta ben dieci ospiti (un batterista, un bassista, due voci e ben sei chitarre); la qualità e l’elaborato senso di virtuosismo imprigionati nel disco, fanno si che i nove brani prendano vita, dando un senso di continuità intenso, pur offrendo diverse letture per ciascuno di questi brani, tutti molto potenti e molto ben curati brani.

(Luca Zakk) Voto: 7,5/10

Attenzione / Warning

È vietato copiare, riprodurre, ripubblicare, pubblicare, visualizzare pubblicamente, codificare, tradurre, trasmettere o distribuire qualsiasi parte o contenuto di questo articolo senza previo consenso scritto da parte di METALHEAD.IT. È tuttavia liberamente consentito pubblicare un link diretto a questo articolo sui vostro canali e social network.

It's forbidden to copy, take screenshot, repost, publish, broadcast, show in public, encode, translate, transmit or distribute any section or content of this article without a written approval by METALHEAD.IT. It's allowed to post or publish a direct link to this article on your channels or social networks.

:

Comments are closed.