METALHEAD


PARAGON – “Controlled Demolition”

by on Mag.10, 2019, under ALBUM, P

(Massacre Records) Inossidabili, anche se dalle foto promozionali ormai un po’ invecchiati, i Paragon danno alle stampe il loro 12° album, prodotto (come spesso è accaduto) dall’altrettanto inossidabile Piet Sielck. Ovvio che non dobbiamo aspettarci nulla di nuovo; siamo a un livello superiore rispetto a “Hell beyond Hell” ma non a quello dei classici come “Law of the Blade” e “The dark Legacy”. Seguiamo allora gli highlights della scaletta. “Reborn” è power/thrash molto spostato sul secondo genere: una mazzata diretta, veloce e terremotante, con Andreas Babuschkin ancora sugli scudi dopo tanti anni. Ritmata e solida “Mean Machine”, ma dove i nostri sono dei maestri è naturalmente sul mid-tempo ‘pachidermico’, stavolta eccezionalmente ben riuscito, che risponde al nome di “Deathlines” e si prende oltre otto minuti. Anche “Timeless Souls” è un notevole e pesante schiacciasassi, ma devo dire che il problema della fine del disco è che è veramente omogenea, fra quel martello pneumatico di “The Enemy within” e l’ancora più serrata “…of Blood and Gore”. Tirando le somme, abbiamo qui un bignami del metallo tedesco: granitico, potente, ma a tratti ripetitivo.

(René Urkus) Voto: 7/10

Attenzione / Warning

È vietato copiare, riprodurre, ripubblicare, pubblicare, visualizzare pubblicamente, codificare, tradurre, trasmettere o distribuire qualsiasi parte o contenuto di questo articolo senza previo consenso scritto da parte di METALHEAD.IT. È tuttavia liberamente consentito pubblicare un link diretto a questo articolo sui vostro canali e social network.

It's forbidden to copy, take screenshot, repost, publish, broadcast, show in public, encode, translate, transmit or distribute any section or content of this article without a written approval by METALHEAD.IT. It's allowed to post or publish a direct link to this article on your channels or social networks.

:

Comments are closed.