METALHEAD


HAUNT – “Mind Freeze”

by on Gen.11, 2020, under ALBUM, H

(Shadow Kingdom Records) Ma come, un altro disco degli Haunt? Sono passati pochi mesi da “If Icarus could fly”, che era pure già a ridosso delle precedenti produzioni… e intanto i nostri hanno fatto uscire anche due split! Non so quanto i ragazzi di Fresno, California possano tenere questo ritmo, ma è quasi regola che la quantità sia a discapito della qualità… Vediamo in ogni caso cosa offre “Mind Freeze”. È solida “Light the Beacon”, capace di mostrare un buon lavoro chitarristico; ai confini dello speed “Hearts on Fire”, mentre qualche tastiera spaziale di sottofondo rende “Divide and conquer” più dinamica. Di nuovo velocità con “Fight or flight”, mentre “Have no Fear” la eleggerei a vetta del disco, in quanto contiene qualcosa, soprattutto nei suoni di synth, che rimanda addirittura a “Turbo” dei Priest. Con l’hard’n’heavy sognante di “Voyager” siamo a fine scaletta: nove brani, 37 minuti, una spanna sopra il disco precedente, ma non credo che intasare il mercato sia la soluzione.

(René Urkus) Voto: 7/10

Attenzione / Warning

È vietato copiare, riprodurre, ripubblicare, pubblicare, visualizzare pubblicamente, codificare, tradurre, trasmettere o distribuire qualsiasi parte o contenuto di questo articolo senza previo consenso scritto da parte di METALHEAD.IT. È tuttavia liberamente consentito pubblicare un link diretto a questo articolo sui vostro canali e social network.

It's forbidden to copy, take screenshot, repost, publish, broadcast, show in public, encode, translate, transmit or distribute any section or content of this article without a written approval by METALHEAD.IT. It's allowed to post or publish a direct link to this article on your channels or social networks.

:

Comments are closed.