METALHEAD


FIRELAND – “IV: Forged in Fire”

by on Apr.16, 2020, under ALBUM, F

(Autoproduzione) C’è sempre qualcosa che permette di distinguere facilmente, nell’ambito del metallo classico, le band provenienti dalle isole britanniche: brani più lunghi, con strutture spesso cangianti e articolate, e una certa aderenza agli stilemi Maiden sono caratteri costanti. I Fireland, di Belfast, sono capitanati da Steve Moore, in forza anche agli Stormzone, e presentano un heavy/power molto solido e molto insulare. “Evil Voyage” ha un andamento galoppante maideniano, ma rivestito da extreme power metal; arrembante sulle stesse coordinate “Banished”, con inserti di voce femminile dovuti all’ospite australiana Mariko Grey. Violenta ben oltre i limiti del thrash “Rule 13”, mentre “Carve my Name in Stone” punta su un sound emozionale e avvolgente, con un chorus ben congegnato. Maideniana fino al midollo “Carven III”, potente e dal taglio più moderno “Battlefield”, che può ricordare i Dream Evil. La scaletta si chiude con la più cupa e ruvida “Hurricane”, che arriva a punte doom. Senza l’impegno del batterista Gordy Gray probabilmente i nostri non avrebbero raggiunto questo buon risultato: peccato per qualche brano un po’ sottotono e per qualche divagazione sonora di troppo…

(René Urkus) Voto: 7/10

Attenzione / Warning

È vietato copiare, riprodurre, ripubblicare, pubblicare, visualizzare pubblicamente, codificare, tradurre, trasmettere o distribuire qualsiasi parte o contenuto di questo articolo senza previo consenso scritto da parte di METALHEAD.IT. È tuttavia liberamente consentito pubblicare un link diretto a questo articolo sui vostro canali e social network.

It's forbidden to copy, take screenshot, repost, publish, broadcast, show in public, encode, translate, transmit or distribute any section or content of this article without a written approval by METALHEAD.IT. It's allowed to post or publish a direct link to this article on your channels or social networks.

:

Comments are closed.