METALHEAD


BAIT – “Revelation of the Pure”

by on Mag.21, 2020, under ALBUM, B

(Les Acteurs de L’Ombre Productions) Tedeschi. Black metal asettico con tendenze post. Dopo due EP eccoli arrivare a questo tagliente primo capitolo! Un black con radici nordiche, esalazioni tedesche e un’aura maligna e deviata tipica della Francia (il che giustifica il nome dell’etichetta che pubblica il disco). Brulla e destabilizzane “Nothing is Sacred”. Catchy, tecnica, contorta e psichedelica “Leviathan III”. Toni gloriosi ma anche devastanti su “Into Misery”. Più diretta, radicale ma anche contorta “Lightbringer”. Gloriosa, diabolicamente epica ed intrigante “Ruin”. Siderale e pungente “Odium”, travolgente con quegli impetuosi mid tempo la title track. Poca luce, poca aria respirabile, totale azzeramento della vita su “Forlorn Souls”. Viscerale e carnale “Eternal Sleep”, mentre la conclusiva ”In Aversion”, suggerisce evoluzioni prog, esaltando, stuzzicando e confermando la genialità compositiva dei Bait. Album che elargisce un soffocante calore gelido, un freddo cosmico per un suono tenebroso, viscerale, dannatamente legato a tradizioni che qui progrediscono rivelandosi sotto una nuova sconvolgente forma.

(Luca Zakk) Voto: 8/10

Attenzione / Warning

È vietato copiare, riprodurre, ripubblicare, pubblicare, visualizzare pubblicamente, codificare, tradurre, trasmettere o distribuire qualsiasi parte o contenuto di questo articolo senza previo consenso scritto da parte di METALHEAD.IT. È tuttavia liberamente consentito pubblicare un link diretto a questo articolo sui vostro canali e social network.

It's forbidden to copy, take screenshot, repost, publish, broadcast, show in public, encode, translate, transmit or distribute any section or content of this article without a written approval by METALHEAD.IT. It's allowed to post or publish a direct link to this article on your channels or social networks.

:

Comments are closed.