METALHEAD


BLACK FUNERAL – “Scourge of Lamashtu”

by on Lug.01, 2020, under ALBUM, B

(Iron Bonhead Productions) Il decimo album in studio dei Black Funeral è intitolato alla divinità mesopotamica Lamashtu e votato a lei quanto ad altri suoi pari. ‘Il flagello di Lamashtu’ è infatti composto da sette pezzi nei quali per ognuno di essi, gli statunitensi si rivolgono a figure mitologiche appunto delle civiltà mesopotamiche come Nergal, Pazuzu, Lilith, Lilû , le entità Utukku, oppure a rituali antichi di esorcismo come “Gidim Hul”. Il canonico black metal dei texani è presentato con una registrazione opaca, ‘ignorante’. Suoni ammassati, poco nitidi, tappati, eppure tali da creare atmosfere oscure ed epiche. I Black Funeral non sviluppano in maniera fluida le composizioni, ma la fiumana che si riversa sull’ascoltatore è percorsa da melodie mutevoli. Il drumming è poderoso, quanto però penalizzato dalla produzione. Numerosi gli intermezzi ambient e atmospheric tra i pezzi, oltre a fasi funeral-black nelle quali i cultori del vampirismo, occultismo e mitologie antiche, ampliano il perimetro del proprio songwriting. Eternamente grezzi, ossessivamente e cinicamente legati a un’immagine che cerca sia il mistero, sia l’anticonformismo, quanto il riproporre miti e culti dei tempi antichi, i Black Funeral restano un baluardo del black metal crudo, diretto e sacrificandolo a realtà antiche e maledette.

(Alberto Vitale) Voto: 7/10

Attenzione / Warning

È vietato copiare, riprodurre, ripubblicare, pubblicare, visualizzare pubblicamente, codificare, tradurre, trasmettere o distribuire qualsiasi parte o contenuto di questo articolo senza previo consenso scritto da parte di METALHEAD.IT. È tuttavia liberamente consentito pubblicare un link diretto a questo articolo sui vostro canali e social network.

It's forbidden to copy, take screenshot, repost, publish, broadcast, show in public, encode, translate, transmit or distribute any section or content of this article without a written approval by METALHEAD.IT. It's allowed to post or publish a direct link to this article on your channels or social networks.

:

Comments are closed.