METALHEAD


JACK STARR – “Before the Steele: Roots of a Metal Master”

by on Mag.28, 2014, under ALBUM, S

copjackstarr(Minotauro Records) Quando in redazione arriva una ristampa della Minotauro Records, resto sempre estasiato dalla qualità del prodotto: il package che si apre come un gatefold, il cd inserito in una bustina di plastica come un vinile, le custodie di cartone che imitano in tutto e per tutto le printed inner sleeves dei gloriosi 12’’, l’immancabile poster… come facciano questi gioielli a costare così poco è un mistero che (felicemente) non mi spiego! Oggi mi occupo della raccolta di materiale pre-Virgin Steele composto e suonato da Jack Starr, che come tutti sanno fu membro fondatore e chitarrista della band newyorkese fino al 1985… la compilation che, uscita nel 2001, contava originariamente undici brani, oggi si presenta praticamente raddoppiata di volume e durata, dato che presenta venti pezzi e due ‘frammenti’ che non sono mai stati rifiniti. Fra i brani più classici spicca anzitutto “East Side Story”, con il suo riff malinconico che ha il fascino, naturalmente, dei primi Virgin Steele (ho pensato in particolare a “The Redeemer”); ma “Hard Rock Man”, per quanto registrata ai limiti della decenza, ha un invidiabile fascino metà anni ’70. In piena atmosfera Rainbow, invece, “Rock’n’Roll Riot”. Ma sono le ‘stranezze’ che destano particolare interesse. Ci sono demo di brani che poi entreranno nel repertorio Virgin Steele (“Drive on Thru”), o pezzi che saranno completamente rivisti nei primi anni ’80 (il riff di “Rock’n’Roll Man” confluirà in “Children of the Storm”). Ci sono ancora sperimentazioni al limite del funky (“Boogie Tonight”, “Voodoo Hussle”), e collaborazioni di artisti che diverranno famosi in seguito (Bobby Rondinelli suona in “Wind and Rain”). Ci sono naturalmente brani cantati da un David DeFeis appena ventenne (“The Lesson”, “Love is hard”). Insomma, c’è davvero di tutto per conoscere la produzione degli anni ’70 di questo guitar hero sfortunato, che a molti non sta simpatico, ma che sicuramente ci sapeva (e ci sa ancora) fare. Il voto va naturalmente all’operazione di ‘recupero e restauro’ da parte della Minotauro, in ogni caso la raccolta piacerà a molti nonnetti e fanatici dei Virgin Steele!

(Renato de Filippis) Voto: 8/10

 

Attenzione / Warning

È vietato copiare, riprodurre, ripubblicare, pubblicare, visualizzare pubblicamente, codificare, tradurre, trasmettere o distribuire qualsiasi parte o contenuto di questo articolo senza previo consenso scritto da parte di METALHEAD.IT. È tuttavia liberamente consentito pubblicare un link diretto a questo articolo sui vostro canali e social network.

It's forbidden to copy, take screenshot, repost, publish, broadcast, show in public, encode, translate, transmit or distribute any section or content of this article without a written approval by METALHEAD.IT. It's allowed to post or publish a direct link to this article on your channels or social networks.

:

Comments are closed.