METALHEAD


MADNESS OF SORROW – “III: The Beast”

by on Mar.10, 2016, under ALBUM, M

copmadnesos16(W1tch R3cords) Madness Of Sorrow è la creatura di Muriel Saracino, messa in piedi dalle ceneri dei Filthy Teens e che con l’album “Signs” espose una formazione di tutto rispetto: David Dalcò (basso), Simon Garth (ex-Death SS, chitarre) e Ross Lukather (ex- Death SS, batteria). Poi arrivò “Take the Children Away from the Priest”, con alla batteria un altro Filthy Teens, cioè Federico Dalli. Questa terza opera vede Saracino cantare, alle chittare, al basso e tutto il resto, ma con l’accompagnamento di Shark, altra chitarra, e Derrick, alla batteria. “III: The Beast” è un concentrato di oscurità, di aura malsana e disturbata che trova posto in una serie di canzoni tra il gothic, il dark, l’industrial e l’hard/horror rock. I synth rendono l’atmosfera pesante quanto il piombo nell’opener “Welcome to Your Suicide”, ma l’aria è ancora più irrespirabile per la sua pesantezza in “The Army of Sinners”, nell’estrema “Vatican’s Ruins” e in “Three Meters Underground”. Stile solenne alla Neue Deutsche Härte per “Crucifixed”, mentre “The Black Lady” ha qualcosa della new wave. Per quanto gotico e tenebroso, cupo e grigio, “III: The Beast” possiede una patina che è solo Madness Of Sorrow. Una patina con delle sfumature, con qualcosa di limabile, ma sufficientemente spaventosa.

(Alberto Vitale) voto: 7,5/10

Attenzione / Warning

È vietato copiare, riprodurre, ripubblicare, pubblicare, visualizzare pubblicamente, codificare, tradurre, trasmettere o distribuire qualsiasi parte o contenuto di questo articolo senza previo consenso scritto da parte di METALHEAD.IT. È tuttavia liberamente consentito pubblicare un link diretto a questo articolo sui vostro canali e social network.

It's forbidden to copy, take screenshot, repost, publish, broadcast, show in public, encode, translate, transmit or distribute any section or content of this article without a written approval by METALHEAD.IT. It's allowed to post or publish a direct link to this article on your channels or social networks.

:

Comments are closed.