METALHEAD


HUMAN FORTRESS – “Reign of Gold”

by on Gen.11, 2020, under ALBUM, H

(AFM Records) Un gradino sotto l’ottimo “Thieves of the Night”, del 2016, ma comunque sopra la media delle uscite di genere, il nuovo album degli Human Fortress conferma il buono stato di salute della band, che ha iniziato il proprio nuovo corso nel 2013 con il cambio di singer – Gus Monsanto conferma anche in questa occasione tutte le proprie capacità. Pronti, via: melodicissimo il refrain di “Thunder”… forse addirittura troppo per il contesto del brano! Sinfonie cariche e solenni in “Lucifers Waltz”, brano di grande respiro e, in qualche passaggio, sinceramente emozionante; “Shining Light” è una bella rielaborazione della bonustrack “Guide from Heaven” di “Eternal Empire”, un brano che ho sempre pensato meritasse più visibilità. “The Blacksmith” è una fuga arrembante e dotata di un bridge illuminato; con la conclusiva “Victory” i nostri si volgono al passato e recuperano quei giri folk che avevano caratterizzato le prime uscite, a partire dallo splendido “Lords of Earth and Heaven’s Heir”. I tempi del symphonic power sono forse finiti per sempre, ma gli Human Fortress c’erano nel momento giusto, e comunque ancora si sente, anche a venti anni dal loro esordio e con un certo cambio di sonorità.

(René Urkus) Voto: 7/10

Attenzione / Warning

È vietato copiare, riprodurre, ripubblicare, pubblicare, visualizzare pubblicamente, codificare, tradurre, trasmettere o distribuire qualsiasi parte o contenuto di questo articolo senza previo consenso scritto da parte di METALHEAD.IT. È tuttavia liberamente consentito pubblicare un link diretto a questo articolo sui vostro canali e social network.

It's forbidden to copy, take screenshot, repost, publish, broadcast, show in public, encode, translate, transmit or distribute any section or content of this article without a written approval by METALHEAD.IT. It's allowed to post or publish a direct link to this article on your channels or social networks.

:

Comments are closed.