METALHEAD


DIABOŁ BORUTA – “Czary”

by on Feb.04, 2019, under ALBUM, D

(Pure Steel Publishing) Mentre il debut “Stare Gledzby” aveva numerosi elementi per incuriosire e convincere l’ascoltatore, mi sembra che il terzo album dei Diabol Boruta, “Czary”, sia meno incisivo; nel mezzo un disco che mi sono perso, “Widziadla”. L’eastern Europe folk metal dei polacchi non è più una novità ormai, e c’è qualche difetto… Incalzante la titletrack (il cui titolo significa ‘Stregoneria’), ma forse fornita di una linea vocale troppo semplice e cantilenante; sarà il principale problema del disco, perché anche l’oscura e ritmata “Golem” soffre dello stesso difetto, e “Duch Wiatru” (‘Spirito del Vento’) finisce per essere monocorde. Gli elementi folk disseminati in “Zaklęcie” (‘Incantesimo’) e soprattutto nell’inquietante “Królestwo nie niebieskie” (presente anche con testo in inglese, come “Kingdom of no Heaven”) sono invece più intriganti; rabbia e velocità in “Niewolnik”, brano che alterna suoni quasi gotici con sfuriate quasi extreme (c’è anche la versione inglese, “Slave”). “Czary” finisce per soddisfare a metà, fra passaggi più riusciti ed altri meno graffianti.

(René Urkus) Voto: 6,5/10

Attenzione / Warning

È vietato copiare, riprodurre, ripubblicare, pubblicare, visualizzare pubblicamente, codificare, tradurre, trasmettere o distribuire qualsiasi parte o contenuto di questo articolo senza previo consenso scritto da parte di METALHEAD.IT. È tuttavia liberamente consentito pubblicare un link diretto a questo articolo sui vostro canali e social network.

It's forbidden to copy, take screenshot, repost, publish, broadcast, show in public, encode, translate, transmit or distribute any section or content of this article without a written approval by METALHEAD.IT. It's allowed to post or publish a direct link to this article on your channels or social networks.

:

Comments are closed.