(Listenable Records) I parigini Livarkahil realizzano il secondo album in studio
dopo una prima release  nata grazie a
sforzi autonomi. “Signs of Decay” esce sotto l’occhio attento della
connazionale Listenable Records, a testimonianza di quanto sia accresciuta la
considerazione verso la band. I Livarkahil hanno concepito questo album
pensando al potere autocratico delle religioni, un argomento non di nuovo ma
spesso affrontato nel death metal. Un attacco furioso, un’agguerrita denuncia
verso le imposizioni religiose, il tutto raccontato attraverso un death metal
fulminante, spesso contaminato da echi di metalcore e thrash moderno. “Signs of
Decay” è una furia acerba a tratti abbattuta da mid-tempos che donano momenti di
sicura presa all’interno delle undici canzoni. Il tutto diventa un insieme di
velocità e ritmi cadenzati i quali sviluppano delle melodie che in più
occasioni hanno un tono epico. Un “Made in France” agguerrito e interessante
grazie a idee attuali e prodotto presso l’Hertz Studio (tanto caro a Behemoth,
Decapitated e Vader).

(Alberto Vitale) Voto: 7/10