(Mighty Music) “Ambush” del 2012 fu un album significativo per gli inglesi Tygers Of Pan Tang. Non solo fu l’ultimo disco con l’axe man Dean ‘Deano’ Robertson, ma fu anche l’ultimo con la collaborazione del produttore Chris Tsangarides, fedele presenza fin dal primo album, ovvero “Wild Cat” del 1980. Chris, deceduto nel 2018, fu un produttore storico che firmò grandi lavori di tantissimi artisti, tra questi Malmsteen, Thin Lizzy, Ozzy, Overkill, Loudness, Exodus, Bruce Dickinson, Black Sabbath, Anvil e tanti altri. “Ambush”, tra le altre cose, fu anche il primo album con l’attuale carismatico bassista Gavin Gray. Un disco così emblematico e simbolico nella carriera della band di Robb Weir non poteva non tornare in vita, con il suo hard rock provocante e travolgente! Quindi ecco questo favoloso remaster, il quale rinfresca il sound, offre più potenza ed energia, offrendo brillanti sonorità fresche in casa della tigre, almeno mentre attendiamo con ansia un altro album, il seguito dell’ottimo “Ritual” dell’anno scorso (recensione qui https://www.metalhead.it/album/tygers-of-pan-tang-ritual/?swcfpc=1). Ovviamente, come ogni riedizione prevede, non si tratta solo di una ‘semplice’ revisione del suono dell’album! Infatti qui troviamo, oltre alle versioni in vinile colorato, ampie note scritte dai membri della band e ben quattro bonus track, due delle quali sono esecuzioni dal vivo con la line up che registrò il disco, mentre completano l’opera una registrazione in studio e la versione demo di “Rock’n’Roll Dream”. Musica che non passa di moda, senza una data di scadenza. Musica eterna per una band che dal 1978 continua ad emozionare, stuzzicare, suggestionare ed attrarre con meraviglioso magnetismo!

(Luca Zakk) Voto: 8,5/10