METALHEAD


GOATS OF DOOM – “Tie on Hänen Omilleen“

by on Feb.06, 2020, under ALBUM, G

(Purity Through Fire) Cinque album in dieci anni, più un EP e uno split… i finlandesi non hanno perso tempo e hanno dato alla luce un album decisamente black, ma solo nell’impostazione. Sì perché i suoni dei Goats Of Doom hanno un qualcosa di inafferrabile. Una sorta di suono estraneo rispetto al black canonico, che ad una prima ripresa stride tantissimo con le atmosfere classiche della musica estrema del nord. Una sorta di melodicità che sembra propria di gruppi come i Finntroll piuttosto che i Watain, tanto per fare un esempio. Poi, all’aumentare degli ascolti ogni tessera va al suo posto e le tracce diventano pure piacevoli, ma resta la sensazione di stare ascoltando una musica poco seria, fatta da gente che forse non ci crede fino in fondo. Se mai esiste un verbo del black, i Goats Of Doom non lo sanno coniugare…

(Enrico Burzum Pauletto) Voto: 6,5/10

Attenzione / Warning

È vietato copiare, riprodurre, ripubblicare, pubblicare, visualizzare pubblicamente, codificare, tradurre, trasmettere o distribuire qualsiasi parte o contenuto di questo articolo senza previo consenso scritto da parte di METALHEAD.IT. È tuttavia liberamente consentito pubblicare un link diretto a questo articolo sui vostro canali e social network.

It's forbidden to copy, take screenshot, repost, publish, broadcast, show in public, encode, translate, transmit or distribute any section or content of this article without a written approval by METALHEAD.IT. It's allowed to post or publish a direct link to this article on your channels or social networks.

:

Comments are closed.