METALHEAD


NO MAN EYES – “Hollow Man”

by on Nov.08, 2013, under ALBUM, N

copnomaneyes(Mighty Music) I genovesi No Man Eyes si formano due anni fa grazie a musicisti di provata esperienza: fra di loro c’è Andrew Spane, nome che magari a molti di voi non dirà nulla, ma che rimanderà i fanatici del power metal (come me) ai Graveyard Ghost e al loro godibilissimo album “Omega”. In ogni caso, questo debut cambia decisamente direzione musicale; anticipando le mie riflessioni finali posso dire che è ben fatto e concepito ma non ‘sfonda’, per la mancanza di un brano d’impatto o di un guizzo di particolare maestria. Subito la titletrack: un bell’esempio di melodic metal venato di progressive, incisivo e incalzante, ma con una produzione forse un po’ troppo scarna. Toni più cupi e serrati in “Isolation”, molto ‘nevermoriana’, e ci sono tanti spigoli, con occasionali concessioni a ritmiche estreme, anche in “Killing the Liar”. Potentissimo il ritornello di “Until the End”, mentre “Mystery of Life” gioca di nuovo con tonalità new thrash e blast beats. Durante l’ascolto, certamente “Hollow Man” mi ha catturato; ma temo che sia uno di quei dischi che solo con difficoltà si fissano nella memoria.

(Renato de Filippis) Voto: 6,5/10

Attenzione / Warning

È vietato copiare, riprodurre, ripubblicare, pubblicare, visualizzare pubblicamente, codificare, tradurre, trasmettere o distribuire qualsiasi parte o contenuto di questo articolo senza previo consenso scritto da parte di METALHEAD.IT. È tuttavia liberamente consentito pubblicare un link diretto a questo articolo sui vostro canali e social network.

It's forbidden to copy, take screenshot, repost, publish, broadcast, show in public, encode, translate, transmit or distribute any section or content of this article without a written approval by METALHEAD.IT. It's allowed to post or publish a direct link to this article on your channels or social networks.

:

Comments are closed.