METALHEAD


T.O.M.B. – “UAG”

by on Apr.08, 2012, under ALBUM, T

(Crucual Blast) T.O.M.B. sta per Total Occultic Biomechanical Blasphemy e questa è la perfetta definizione per l’incubo che contiene il loro nuovo album “UAG” (“Uncovered Ancient Gateways”). Ci sono 11 tracce assurde di un qualcosa che si potrebbe definire black ambient (“Leech”) ma in seno a queste divagazioni cova l’elettronica più nera (“Blood Vortex”, una frequenza di rumore bianco che pian piano sparisce), il germe dell’industrial (“Musoleum Witchcraft”, “Perverse Crematory Pleasures”) e il dark ambient (“Graveyard Requiem”) più malato e disperso che esista. Generi, definizioni, etichette, tutte da buttare, tutte fallite e inutili. “UAG” è un dissipatore di onde sonore che si sommano, si stratificano e ricoprono i sensi e l’ambiente circostante. I T.O.M.B. sono una camera sonica. Del resto le registrazioni sono nate nel 2009, in diversi luoghi abbandonati (tra i quali un ex ospedale, ma anche cimiteri) quasi a voler catturare gli spiriti che li popolano. Le drum machine e i campionamenti si fondono, definiscono una ossatura vaga e contorta e da sopra sbocciano suoni, echi e venti elettronici inquietanti. Macabro, spaventoso, “UAG” è una cripta nella quale chiudersi e soffrire di paura.

(Alberto Vitale) Voto: 7,5/10

Attenzione / Warning

È vietato copiare, riprodurre, ripubblicare, pubblicare, visualizzare pubblicamente, codificare, tradurre, trasmettere o distribuire qualsiasi parte o contenuto di questo articolo senza previo consenso scritto da parte di METALHEAD.IT. È tuttavia liberamente consentito pubblicare un link diretto a questo articolo sui vostro canali e social network.

It's forbidden to copy, take screenshot, repost, publish, broadcast, show in public, encode, translate, transmit or distribute any section or content of this article without a written approval by METALHEAD.IT. It's allowed to post or publish a direct link to this article on your channels or social networks.

:

Comments are closed.