(Massacre-Audioglobe) Dopo 10 anni come cover band, gli svedesi Silverdollar hanno ben deciso di passare a produrre materiale originale: e dopo “Evil never sleeps”, distribuito
nel 2007 dalla Shark Records, si ripresentano oggi sul mercato con “Morte” e il
suo inatteso titolo in italiano. Si parte con un brano doomy come “CO2”, ma poi
l’atmosfera del disco cambia per spostarsi su un suono più progressivo (“Damage
done”) o più thrash (“Evil Good”). Insomma i nostri praticano una certa
variazione di generi che rende il disco, come dire, ‘trasversale’. A confermarlo,
“Evil never sleeps” ha un certo flavour Iron Maiden, e due brani veloci in
successione come “Raging Eyes” e “Rot” danno la giusta carica. Si chiude,
inaspettatamente, con l’incursione hard rock di “Three Finger Man”. In questo
“Morte” si avverte bene l’esperienza di questa band, ma forse anche la voglia
di essere originali ad ogni costo buttando un po’ di tutto nel calderone: ma
alla fine – ed è questo che conta – il disco si ascolta con piacere.

(Renato de Filippis) Voto: 7/10