(AFM) Energia pura! Gli svizzeri Shakra sono inarrestabili. In costante crescita continua! “Powerplay” (con l’altro cantante) era tosto… il precedente “High Noon” era superbo… e questo “Snakes & Ladders” è semplicemente irresistibile! Metallo intelligente, melodico, heavy, catchy, plateale, tecnico e pieno di grinta. “Cassandra’s Curse” apre galoppante, tuonante… prima di una linea vocale suggestiva, provocante, intensa la quale accompagna ad un refrain epico, diretto e magnetico. “Friday Nightmare” è tagliente… hard rock appesantito e volutamente sfacciato, la title track diventa immediatamente indimenticabile, un parassita sonoro che si installa nel cervello per non andarsene più. Molto ottantiana e ruffiana “Something You Don’t Understand”, forse il brano dove il vocalist Mark Fox più evidenzia quella meravigliosa similitudine con Joe Elliott dei Def Leppard; heavy blues, rock‘n’roll e tanta passione con “Rollin’”, attitudine punk, con melodie memorabili, su “I Will Rise Again”, una canzone in piacevole contrasto con la seguente power ballad “Open Water”, uno di quei brani che toccano il cuore, che emozionano e fanno sognare, amare, desiderare. “The Race Of My Life” fa saltare, mentre la conclusiva e lasciva “The End Of Days” riconduce nuovamente nel mondo del sogno. Rispetto agli ultimi lavori, in un certo senso, il sound è più maturo, meno spensierato… più tecnico e curato… forse adulto, ma sempre possente, poderoso, energetico. Cinquanta minuti che danno la carica, che fanno muovere, che trasmettono pulsazioni e vibrazioni grintose, aggressive… maledettamente provocanti, decisamente sensuali!

(Luca Zakk) Voto: 9/10